Web e social, browser interno per Facebook: obiettivo “creare un ecosistema autosufficiente”

Il colosso dei social non si arresta e continua a sfornare idee volte a trattenere gli utenti sulla piattaforma, ancor più di quanto già faccia.
Per primo è stato il sito americano The Next Web a dare al mondo la notizia, dopo che un giornalista della Bbc si è accorto del cambiamento – precisiamo per i lettori, che al momento soltanto un ristretto gruppo di utenti iOs (Apple) può vedere l’innovazione -. La società del giovane Mark Zuckerberg, che continua imperterrita a mietere successi, sta infatti sperimentando e testando dallo scorso dicembre un motore di ricerca interno al social più amato in tutto il mondo, grazie al quale – con tutta probabilità – sarà possibile navigare nel web, salvare le pagine tra i preferiti e spostarsi nei siti già visitati, senza aprire altri browser. E quest’ultima sperimentazione si configura come l’ennesimo tassello con cui il social sta tentando di inglobare funzioni ormai irrinunciabili per gli internauti: basti pensare a ciò che è accaduto con i video della piattaforma social, per i quali non occorre più la consultazione di Youtube e con le notizie di informazione, leggibili attraverso l’applicazione Instant Articles, bypassando i siti dei quotidiani online. Attualmente la stragrande maggioranza degli utenti internet passa attraverso Facebook come prima visita nella propria navigazione: pertanto il problema che sta a cuore ai vertici di Menlo Park, non sarebbe tanto quello di attrarre nuovi clienti, quanto quello di far sì che gli iscritti rimangano più tempo possibile all’interno della piattaforma. "Stiamo testando novità grafiche da apportare all’applicazione dei nuovi dispositivi mobili, così gli utenti potranno navigare più facilmente e leggere storie su Facebook" avrebbero affermato i portavoce del patron Zuckerberg. (V.R. per NL)

printfriendly pdf button - Web e social, browser interno per Facebook: obiettivo "creare un ecosistema autosufficiente"