Web. Google: essere dimenticati sarà possibile. Apertura al diritto all’oblio in Europa

Lo scorso 13 maggio la Corte Europea in una sentenza aveva dichiarato che il motore di ricerca è responsabile del trattamento dei dati personali pubblicati su pagine web di terzi.

Il portavoce dell’azienda aveva dichiarato che "la sentenza della Corte richiede a Google di prendere decisioni difficili in merito al diritto di un individuo all’oblio e al diritto del pubblico di accedere all’informazione. Stiamo creando un comitato consultivo di esperti che analizzi attentamente questi temi. Inoltre, nell’implementare questa decisione coopereremo con i garanti della privacy ed altre autorità". Sono passate poche settimane e Big G ha lanciato un servizio attraverso il quale i cittadini europei potranno chiedere che vengano cancellati i link ai risultati di ricerca ritenuti inopportuni: “Esamineremo ogni richiesta cercando di bilanciare il diritto alla privacy con quello all’informazione”, fanno sapere da Mountain View. Nel dettaglio, la piattaforma, che elabora il 90% di tutte le ricerche sul web in Europa, ha reso disponibile un modulo online che consente l’identificazione degli interessati (che dovranno fornire le copie digitali dei documenti e la firma elettronica sulla richiesta) e la successiva indicazione del link da rimuovere, con eventuali motivazioni. Durante la valutazione delle richieste inoltre, Google stabilirà se i risultati includono informazioni obsolete sull’utente oppure se concernono l’interesse pubblico, ad esempio se trattano di frodi finanziarie, negligenza professionale, condanne penali o cattiva condotta pubblica di funzionari statali. “Il progetto – fanno sapere i vertici – è in fase di sviluppo continuo. Nei prossimi mesi lavoreremo a stretto contatto con le autorità per la protezione dei dati e con le altre autorità per il perfezionamento del nostro approccio”. Per il momento i moduli saranno presi in consegna e analizzati da esperti di Google e, a quanto pare, non da un software: nel comitato siederanno fra gli altri Frank La Rue, relatore speciale dell’Onu sulla promozione e la protezione del diritto alla libertà di opinione e di espressione, Peggy Valcke, docente di giurisprudenza all’Università di Leuven, Jose Luis Piñar, dell’Università Ceu San Pablo di Madrid, Jimmy Wales di Wikipedia e Luciano Floridi, docente di Filosofia ed Etica dell’Informazione all’Università di Oxford. Google mette le mani avanti sui tempi e non chiarisce per ora quali saranno le tempistiche per le cancellazioni dei link in esame. In questa prima fase pare non sia possibile garantire risposte immediate e rimozioni coatte, poiché occorre anzitutto formulare protocolli e funzioni dai quali prenderà il via il lavoro successivo: “Ci stiamo adoperando – specificano i vertici – per portare a termine l’implementazione delle richieste di rimozione ai sensi della legislazione europea per la protezione dei dati personali, nel più breve tempo possibile”. (V.R. per NL)
 
 
printfriendly pdf button - Web. Google: essere dimenticati sarà possibile. Apertura al diritto all’oblio in Europa
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Web. Google: essere dimenticati sarà possibile. Apertura al diritto all’oblio in Europa

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL