Web. Google, evasione di 98,2 mln secondo la Procura di Milano. Possibile rinvio a giudizio per 5 manager

Dopo la conclusione delle indagini, la Procura di Milano ha quantificato l’evasione fiscale di Google in 98,2 milioni di euro. Si va verso il rinvio a giudizio per i 5 manager indagati. Ancora aperte le trattative con l’Agenzia delle Entrate.

Google riceve il conto definitivo dalla Procura di Milano: si tratta di 98,2 milioni di euro di imponibile Ires che non sarebbero stati pagati dal gruppo tra il 2009 e il 2013. Un saldo decisamente più basso di quanto inizialmente ipotizzato dalla Guardia di Finanza (227 milioni di euro); il motivo è che non sono risultate contestabili le evasioni sulla ritenuta d’acconto e quella ai fini Irap. Le modalità con cui Google avrebbe aggirato il pagamento delle imposte sarebbero le stesse contestate a suo tempo dalla Gran Bretagna (dove ci si è accordati per una “mini” multa da 172 milioni euro) e in questi giorni in Francia, che ha presentato al colosso del web un conto da 1,6 miliardi di euro. I ricavi realizzati in questi paesi sarebbero stati trasformati in royalties imputabili a Google Ireland, visto che l’isola offre un regime fiscale molto più vantaggioso (12,5% contro il 27,5% nostrano). Per i 5 manager indagati, dipendenti della sede italiana e irlandese, si potrebbe prospettare il rinvio a giudizio per “omessa dichiarazione dei redditi”. L’ultima partita aperta, quella decisiva, è la trattativa con l’Agenzia delle Entrate: si potrebbe, infatti, arrivare ad un accordo simile a quello raggiunto in Gran Bretagna. C’è da dire che, come oltremanica è stata Google ad uscirne favorita (la multa impostagli è stata ben inferiore all’importo originario contestato), anche in Italia potrebbe accadere lo stesso; resta da vedere chi tra inglesi, italiani e francesi tratterà il caso con maggior indulgenza. (G.C. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Web. Google, evasione di 98,2 mln secondo la Procura di Milano. Possibile rinvio a giudizio per 5 manager

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL