Web. Twitter: servizi premium per attrarre investimenti.

Twitter a pagamento: non è il solito infondato allarmismo virale che invade le newsfeed, ma un’idea che inizia a solleticare le menti dei creatori del social cinguettante.
Non c’è alcun progetto concreto, ma sembra che  il presidente Jack Dorsey & co. stiano ipotizzando la creazione di servizi premium dedicati a media, giornalisti e inserzionisti pubblicitari fruibili dalla piattaforma di gestione TweetDeck, come confermato in un’intervista rilasciata al sito The Verge. L’intenzione dichiarata sarebbe quella di offrire “strumenti per visualizzare e gestire i tweet, funzioni come notifiche, analisi dei trend, statistiche avanzate, sistemi avanzati per la composizione e la pubblicazione dei contenuti e una dashboard personalizzabile”, ma i dettagli sono tutti da definire: Twitter ha avviato una fase di sondaggio presso gli user, per comprenderne le esigenze e i desiderata al fine di creare un servizio aggiuntivo davvero utile e quindi appetibile anche a pagamento. La società punta probabilmente ad una nuova fonte di ricavi, per dare supporto a quella pubblicitaria che fa fatica a sostenere il marchio: le aziende hanno mostrato chiaramente di preferire Facebook per i propri investimenti nel marketing online perché il social network di Zuckerberg consente di raggiungere un pubblico molto più vasto e –allo stesso tempo – suddividerlo in micro-segmenti per pubblicizzare efficacemente prodotti di nicchia. Un’attenta analisi di mercato potrebbe condurre Twitter a creare un buon prodotto, ma sorge qualche dubbio sul guadagno in competitività rispetto alla concorrenza: parte dei servizi che si vorrebbero implementare in versione a pagamento, infatti, sono già disponibili e gratuiti su Facebook che, attraverso Business Manager e Power Editor, offre strumenti professionali di content management, analisi e statistiche. Il problema è più a monte: le aziende non sono attratte da strumenti di misurazione integrati e più evoluti ma dalla massa critica, mentre Twitter – così com’è – ha una struttura comunicativa che lo rende “elitario” e prediletto specialmente da scienziati e professionisti della comunicazione (giornalisti, editori) per la semplice condivisione di articoli. Per questi stessi motivi, è molto più interessante la prospettiva dei servizi premium dedicati a media e giornalisti, purché incentrati sull’elemento che davvero caratterizza Twitter, cioè essere uno strumento di misurazione della reputation soprattutto nel mondo dell’informazione, utilissimo – ad esempio – per gli uffici stampa delle aziende che vogliono sapere chi (e in che modo) parla del proprio marchio, nonché per i ricercatori che puntano ad innalzare l’indice bibliometrico dei proprio articoli (già da qualche anno i tweet sono elemento valido per calcolare l’impatto e il numero di citazioni delle pubblicazioni scientifiche). Anche questi sono servizi già esistenti, ma con versioni complete a pagamento di applicazioni e siti esterni a Twitter, perciò la chiave di volta di TwitterDeck premium potrebbe proprio essere quella di integrare questo tipo di utilità, attraendo gli investimenti mirati alla misurazione della reputazione. (V.D. per NL)

printfriendly pdf button - Web. Twitter: servizi premium per attrarre investimenti.