Audiradio, oggi la delibera Agcom. Rea: “Scettici, aspettiamo l’Antitrust”

(Pubblicità Italia) – Oggi l’Agcom darà direttive su Audiradio, in particolare sui temi della governance e la trasparenza: l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni presieduta da Corrado Calabrò pubblicherà infatti oggi la delibera 7509 Csp, che conclude l’indagine avviata alcuni mesi fa su sollecitazione della Rea, associazione di piccoli editori radiofonici.

“Abbiamo accolto in parte le istanze della Rea – anticipa il commissario Agcom Sebastiano Sortino –: la governance di Audiradio dovrà aprirsi a rappresentati delle radio locali, sia nel consiglio che nel comitato tecnico, e dovrà aumentare anche la trasparenza della ricerca sugli ascolti radiofonici, con una migliore selezione del campione di persone intervistate. Non abbiano invece accolto la denuncia della Rea in merito alla metodologia della ricerca: è facoltà di Audiradio di apportare innovazioni per rendere la propria indagine sempre più accurata e sofisticata, sta poi alle singole radio decidere se avvalersi o meno di particolari approfondimenti (il riferimento è ai nuovi Diari, di ascolto, i cui risultati sono stati presentati la scorsa settimana, vedi Today dell’8 maggio, ndr)”. Ma la stessa Rea, per bocca del suo presidente Antonio Diomede, si dichiara “scettica” sui provvedimenti che saranno adottati: “Dal nostro punto di vista l’Autorità presieduta da Calabrò non è credibile, visto che ha tradito sé stessa, non adempiendo all’impegno che essa stessa aveva preso tre anni fa di nominare un suo rappresentante nel comitato tecnico di Audiradio, a garanzia della trasparenza”. Diomede parla di “viglianza inesistente” su Audiradio da parte dell’Agcom, che pure sarebbe tenuta a vigilare. “Le nostre speranze sono riposte nell’Antitrust – afferma il presidente della Rea –: anche l’Autorità presieduta da Antonio Catricalà ha infatti avviato un’indagine su nostra denuncia, e sta lavorando con grande serietà, in modo approfondito, analizzando a fondo il funzionamento del comitato tecnico Audiradio. Ci aspettiamo una pesante multa alla società presieduta da Felice Lioy per come conduce la ricerca sugli ascolti, tutta a vantaggio dei grandi network pubblici e privati. Le piccole radio sono sulla soglia della sopravvivenza, private di risorse pubblicitarie. Vorremmo una ricerca sugli ascolti tagliata anche sulle piccole radio. Non abbiamo la forza di finanziarla da soli, solo l’Antitrust può ‘prescriverla’ ad Audiradio”. (F. C.)
 

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Audiradio, oggi la delibera Agcom. Rea: “Scettici, aspettiamo l’Antitrust”

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL