Chiamate Roma 3131 compie 40 anni. Cambiò la radio

Era il 7 gennaio 1969 quando prese il via su Radiouno l’avventura di ‘Chiamate Roma 3131’, con una telefonata al distretto telefonico di Roma


(ANSA) – Compie quarant’anni la trasmissione che ha segnato una nuova era radiofonica: quella in cui l’ascoltatore può interagire in diretta con lo studio, grazie al telefono. Era il 7 gennaio 1969 quando prese il via su Radiouno l’avventura di ‘Chiamate Roma 3131’, con una telefonata al distretto telefonico di Roma.

Nello studio romano di Via Asiago alla conduzione della prima edizione c’erano Gianni Boncompagni, Franco Moccagatta e Federica Taddei, con curatrice e coordinatrice Rita Manfredi. Immediato il successo che portò il programma ad essere uno dei più seguiti dei canali radiofonici della Rai con punte di ascolto che arrivarono, fin dai primi mesi, a 10 milioni di ascoltatori.

La trasmissione non era a tema, si svolgeva in base alle telefonate con gli sfoghi, le gioie e i dolori degli ascoltatori. Inevitabili nel corso del tempo le trasformazioni di questo speciale “telefono amico”, che divenne un osservatorio dei cambiamenti della società. Accanto a Moccagatta si alternarono nel tempo Anna Benassi, Francesco Garlato, lo psicologo Fausto Antonini, il commediografo Diego Fabbri e l’umorista Enrico Vaime. Tutto questo fino al 1972, l’anno in cui avvenne il vero primo cambiamento, con il passaggio dall’edizione mattutina a quella pomeridiana che portò alla conduzione Paolo Cavallina e Luca Liguori e in cui si sviluppò maggiormente il dibattito collettivo su temi sociali, fino alla sospensione del programma nel 1975. L’anno dopo, nacque ‘Sala F’ guidato da Lidia Motta, con una grande prevalenza di donne: alla regia Donatella Raffai, in redazione fra le altre Lauretta Colonnelli e Barbara Palombelli, alla conduzione Angela Buttiglione e Anna Vinci.

Altra rivoluzione nel 1979: con Corrado Guerzoni, direttore del secondo canale radiofonico, nasce Radiodue 3131 e la trasmissione si apre a collegamenti esterni, viene affiancata l’edizione della notte condotta da Ivano Balduini e poi creato lo Studio Mobile (un pulmino in giro per l’Italia) affidato all’estro di Gianluca Nicoletti. La fine arriva il 30 giugno del 1995 con l’edizione condotta da Marco Guzzi e Maurizio Ciampa.

Chiamate Roma 3131 era comunque diventato, in 25 anni, “una specie di archivio storico del Paese” come disse Rita Manfredi. E raccogliendo quell’eredità da tempo la direzione di Rai Teche, diretta da Barbara Scaramucci, sta portando avanti un progetto di sistemazione e digitalizzazione di tutto il materiale esistente in Rai e delle copie in possesso dei privati fin dalle prime trasmissioni del programma. Il progetto è curato anche da Raffaele Vincenti che per 11 anni ha fatto parte dell’equipe fissa di Radiodue 3131. Alcuni documenti si possono trovare sul sito www.teche.rai.it.

La più nota e longeva trasmissione radiofonica della Rai ha ispirato, dopo la chiusura, anche diversi programmi che sono, in un certo senso, una sua diretta emanazione: ‘Radio Zorro’ con Oliviero Beha, ‘Fatti e sentimenti’ di Roberta Tatafiore, ‘3131 Chat’ con Carola Silvestrelli e ‘3131 Costume e Societa” con Pierluigi Diaco.

printfriendly pdf button - Chiamate Roma 3131 compie 40 anni. Cambiò la radio
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Chiamate Roma 3131 compie 40 anni. Cambiò la radio

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL