CNT Informa n. 37 – Pubblichiamo il nuovo numero del bollettino del Coordinamento Nazionale Televisioni

DDL Gentiloni: UE,rivedere nodo risorse pubblicitarie – TV: Auditel, presto la riforma – Audiovisivo: UE, 671Mln per sostenere l’industria- Corecom Umbria: concorso per le emittenti locali- Corecom FVG: ricerca “Giovani&media”- TV: lotto e cartomanzia,


DDL GENTILONI: UE, DA RIVEDERE IL NODO RISORSE PUBBLICITARIE
Secondo l’Unione Europea Il Ddl Gentiloni va nella giusta direzione nel correggere le parti della Legge Gasparri che sono illegali ai sensi del diritto comunitario. Lunedi’ scorso, nel corso della riunione tra i rappresentanti del Ministero e i tecnici del Commissario Antitrust Neelie Kroes, c’e’ stato un generico apprezzamento della riforma. In primo luogo perche’ riporta all’interno del diritto comunitario le norme sulla ridistribuzione delle frequenze che si libereranno con il passaggio alla tv digitale previsto per il 2012. In secondo luogo per l’eliminazione dei diritti speciali attribuiti dal precedente Governo alla Rai e a Mediaset. Giudizio positivo anche sul provvedimento che prevede il passaggio alla tv digitale di una rete Rai e di una rete Mediaset prima del 2012. Per l’Ue e’ da rivedere, il nodo delle risorse pubblicitarie. Il meccanismo dovrebbe essere piu’ incisivo, secondo Bruxelles, in modo da non permettere a Rai e Mediaset di mantenere la loro posizione dominante sul mercato pubblicitario. Su questo ultimo aspetto si incentra la dura critica del CNT che ritiene non risolto dal DDL Gentiloni il problema del monopolio Mediaset e la sua posizione dominante.

TV: AUDITEL, PRESTO LA RIFORMA
L’Auditel sarà presto riformata e l’Agcom avrà più poteri di controllo. Parola di Corrado Calabrò, presidente dell’autorità per le Garanzie nelle comunicazioni che si sta occupando proprio della modifica del sistema della rilevazione degli ascolti televisivi. Le modifiche proposte dall’autorità sono sulla stessa linea di quanto è contenuto nel ddl Gentiloni, approvato di recente dal Consiglio dei ministri. Nel decreto è previsto che sarà l’autorità a curare la rilevazione dei dati e la loro diffusione.

AGCOM: VIA LIBERA A TIB ALL’ACQUISIZIONE DI FREQUENZE PER LA7
Sul Bollettino n. 37 (anno XVI) dell’Autorità Antitrust è stata pubblicata la decisione (favorevole) in merito a un’importante operazione che porta le frequenze regionali siciliane di Rete Sicilia (riconducibili, in sostanza, al gruppo Ciancio) nelle mani di Telecom Italia Broadcasting, che le utilizzerà in futuro per i suoi bouquet digitali.

AGCOM: VOLUME SPOT, PUBBLICATA LA DELIBERA SULLA G.U.
E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 249 del 25 ottobre 2006 la delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (AGCOM) n. 157/06/CSP recante “Misure urgenti per l’osservanza delle disposizioni in materia di livello sonoro dei messaggi pubblicitari e delle televendite”. La differenza di potenza sonora fra spot e programmazione non potrà in ogni caso superare il limite di tolleranza del 15%. Le emittenti avranno 30 giorni per adeguarsi. Successivamente in caso di accertate violazioni, l’AGCOM applicherà le sanzioni previste dall’art. 51 del Testo Unico della radiotelevisione in materia di pubblicità.

DIRITTI TV: CALCIO, UNA NUOVA PROPOSTA
E’ stata depositata una proposta di legge sui diritti tv del calcio. Tre i principi base: centralizzazione dei diritti televisivi di tutto il calcio alla Federazione italiana giuoco calcio; suddivisione in tre parti dei proventi televisivi (grandi squadre, medio-piccole, serie minori); non proporzionalità delle quote, la cui entità viene fissata dalla Figc. Il CNT contesta questa proposta e la situazione attuale in cui il calcio è tutto nelle mani dei gruppi monopolistici.

AUDIOVISIVO: UE, 671 MLN DI EURO PER SOSTENERE L’INDUSTRIA
Il Parlamento Europeo ha approvato il programma Media 2007 per il sostegno all’industria audiovisiva. Con 671 milioni di euro stanziati l’Ue mira a conservare la diversità culturale, promuovere le opere audiovisive e sostenere la digitalizzazione anche dei cataloghi per favorire l’accesso dei cittadini al patrimonio cinematografico europeo.

CORECOM UMBRIA: UN CONCORSO PER LE EMITTENTI LOCALI
Il concorso regionale ‘Comunicare in Umbria’, indetto dal CORECOM si rivolge alle emittenti televisive e radiofoniche umbre e ai siti prodotti dalle scuole della regione. Sono state realizzate sette edizioni con una sempre più ampia partecipazione. Alla costante collaborazione del Consiglio, si è aggiunto nel 2001 il Premio speciale della Giunta regionale dell’Umbria che per questa edizione diventa nazionale. I prodotti dovranno pervenire al CORECOM Umbria entro e non oltre le ore 12 del 6/11/06 a: CORECOM UMBRIA – Comitato Regionale per le Comunicazioni – Piazza Italia, 4 – 06121 Perugia. La premiazione avverrà il 2 dicembre a Vallo di Nera.

CORECOM FVG: PRESENTAZIONE DELLA RICERCA “GIOVANI&MEDIA”
Come vivono e soprattutto come si muovono i giovani nell’universo dei nuovi media? Il 7/11, alle ore 12.00, presso la Sala L del Palazzo dei Congressi a Bologna, sarà presentata una ricerca nazionale su “Giovani&Media”, realizzata dal Corecom FVG. La ricerca ha l’obiettivo di offrire alle famiglie e alle scuole uno strumento conoscitivo per orientarsi nel complesso universo giovanile, ed ha approfondito la comprensione su l’uso della rete da parte dei giovani, al fine di leggere la domanda relazionale, informativa, formativa e valoriale che spinge i ragazzi a “superare” i media tradizionali.

TV: CENSIS, ITALIA ANCORA DIPENDENTE DALLA TV TRADIZIONALE
In Europa la trasformazione del modello televisivo verso le tecnologie digitali sta procedendo velocemente. In Italia, invece, la dipendenza dal modello televisivo tradizionale (analogico terrestre) è ancora molto forte e la più alta fra i paesi europei. ll 72% della popolazione nel nostro paese vede solo ed unicamente programmi della televisione tradizionale, a fronte del 65% della Spagna e della Francia, del 50% della Germania e del, minimo, 31% della Gran Bretagna. L’indice di penetrazione della radio è molto elevato in tutti i paesi europei. Solo l’Italia appare “teledipendente”, non per l’estensione del pubblico, ma per le limitazioni riscontrate nel pubblico degli altri media.

DTT: STENTA IL DECOLLO
Al di là degli entusiastici proclami e dallo stanziamento di ingenti risorse economiche, il DTT non ha raggiunto nel 2006 nemmeno il 7% (è al 6,6%) dell’utilizzo nonostante campagne pubblicitarie governative, investimenti milionari sia per l’ammodernamento degli impianti di diffusione che per l’incentivazione all’acquisto dei decoder, quando la web tv è già al 2,5% ed il sat verso il 17%.

TV: LOTTO E CARTOMANZIA,RINVIO DECISIONE CONSIGLIO DI STATO
Sul tema delle trasmissioni televisive relative a ‘previsioni del Lotto’ e cartomanzia, molto in voga fra le emittenti locali e satellitari e oggetto qualche tempo fa di una indiscriminata ‘offensiva’ culminata con una delibera dell’Autorità assai dannosa per le emittenti stesse (le si limitava alle sole ore notturne), va registrato ora un rinvio dell’importante decisione che doveva essere presa da parte del Consiglio di Stato, in attesa di possibili nuovi sviluppi, che possano modificare o interpretare meglio le decisioni già assunte.

C.N.T. – Coordinamento Nazionale Televisioni – SEDE LEGALE: P.zza Municipio, 80 – 80133 Napoli SEDE OPERATIVA: Via Bari, 19 – 72013 Ceglie Messapica TEL. 337941697 TEL e FAX. 0804839707
SITO INTERNET: www.coordinamentonazionaletelevisioni.it
EMAIL: info@coordinamentonazionaletelevisioni.it
Direttore Costantino Federico
Reg.Trib.in corso
SEDE: P.zza Municipio, 80 – 80133 NAPOLI
TEL.337941697 – FAX:0818383118 – 0831377510

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - CNT Informa n. 37 - Pubblichiamo il nuovo numero del bollettino del Coordinamento Nazionale Televisioni

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL