Conferenza a Vienna sulla liberta’ d’accesso al Web

Il 35% degli austriaci non accede a Internet; si tratta per lo piu’ di persone anziane o a bassa scolarizzazione


ADUC.it

Se si vuole colmare il divario digitale, e’ soprattutto a loro che bisogna pensare, ha spiegato la ministra competente per i media Heidrun Silhavy alla conferenza e-inclusion. Ma oltre all’inserimento delle fasce strutturalmente piu’ deboli, occorre ampliare le opportunita’ ai mercati economici, ha aggiunto il Segretario generale di Internet Service Provider Austria (ISPA). Una delle vie e’ il libero accesso ai siti. Per esempio, in Austria da inizio anno tutti i portali governativi dovrebbero essere liberi da barriere; invece non tutti i Comuni vi hanno provveduto. E’ un problema europeo, spiega Paul Timmers, responsabile Ue del settore: in Europa, solo il 5% dei siti Web e’ privo di barriere -per insipienza degli operatori o per timore dei costi. E dunque la Commissione intende fare opera di sensibilizzazione con una sua campagna e-inclusion. L’incontro e’ stato il prologo al vertice dei ministri Ue sul tema, che si terra’ a Vienna dal 30 novembre al 2 dicembre.

printfriendly pdf button - Conferenza a Vienna sulla liberta' d'accesso al Web
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Conferenza a Vienna sulla liberta' d'accesso al Web

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL