Crisi editoria. Secondo Gannett rallenta il tasso di declino della stampa USA e UK. Forza lavoro scesa comunque del 3%.

La crisi della stampa internazionale è ancora in corso. L’ennesimo segnale allarmante arriva dal quotidiano The Independent, che ha raccolto le dichiarazioni di Gannett (editore, tra gli altri, di Usa Today) per fare un punto della situazione.

E trattandosi di Gannett possiamo stare certi che i dati sono significativi. La compagnia è, infatti, la più grande casa editrice di quotidiani negli States (con circa 950 quotidiani), nonché la proprietaria del britannico Newsquest Media Group, che a sua volte possiede oltre duecento testate tra cui The Herald scozzese. Stando ai dati comunicati da Gannet, dunque, gli introiti pubblicitari dei quotidiani, nel terzo trimestre del 2009, sarebbero scesi del 26% in Usa e addirittura del 28,7% nel Regno Unito (nel caso britannico i dati riguardano solo i quotidiani della Newsquest Media Group). La situazione rimane quindi molto grave, anche se il tasso di declino sembrerebbe lievemente in calo e potrebbe lasciare qualche speranza in più per il futuro. Sempre secondo Gannet, il piccolo miglioramento registrato fa pensare che il periodo più nero di crisi economica sia ormai passato. E che il panico post-Lehman Brothers non terrorizzi più gli investitori, la cui ripresa rimane comunque faticosa. La compagnia è comunque stata costretta, nel corso dell’estate, a licenziare altri 1400 dipendenti, che costituiscono il 3% dell’attuale forza lavoro (a cui va aggiunto un altro 10% di tagli che risale al 2008). Parallelamente si è cercato, dove possibile, di tagliare anche i costi di produzione della carta stampata. Ma la questione rimane ancora molto pesante. A tutto ciò si aggiunga che Gannett ha recentemente subito lo smacco dal Wall Street Journal di Rupert Murdoch che, secondo le anticipazioni rilasciate dall’Audit Bureau of Circulations, sarebbe passato al primo posto nella classifica dei quotidiani più diffusi negli Usa. Secondo Gannett, il cui Usa Today è stato in cima alla classifica per anni, il dato è da prendere con le pinze. Infatti, bisogna ricordare che i conteggi relativi alla diffusione del Wsj includono anche il numero di abbonati all’edizione online, mentre quelli di Usa Today non tengono ancora conto del gran numero di copie diffuse gratuitamente negli hotel, dettaglio naturalmente molto caro a Gannet. (Marco Menoncello per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Crisi editoria. Secondo Gannett rallenta il tasso di declino della stampa USA e UK. Forza lavoro scesa comunque del 3%.

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL