Delitti contro la pubblica amministrazione – Abuso d’ufficio: la concorrente finalità di soddisfare l’interesse pubblico “annulla” il dolo dolo intenzionale

di Giuseppe Amato, sostituto procuratore presso il Tribunale di Roma – da Quotidiano Giuridico N 03/08/anno 2006 –


Il dolo intenzionale richiesto per la configurabilità dell’abuso d’ufficio (articolo 323 c.p.) deve essere escluso quando il pubblico ufficiale, nonostante l’obiettiva illegittimità dell’atto, abbia operato in vista della realizzazione di un interesse pubblico preminente, che assorbe l’ingiusto vantaggio procurato al privato, non voluto direttamente ma solo previsto ed accettato come conseguenza accessoria dell’atto. (Cassazione penale Sentenza, Sez. VI, 19/06/2006, n. 21123 – G. ed altro) (NL)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Delitti contro la pubblica amministrazione - Abuso d'ufficio: la concorrente finalità di soddisfare l'interesse pubblico "annulla" il dolo dolo intenzionale

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL