Diffusione quotidiani in Italia. Tutti a picco, ma c’è il trucco

Sembrerebbe una debacle di dimensioni epiche, di quelle che farebbero presagire all’addio definitivo al mondo della carta stampata.

A guardar bene, però, il trend di vendita negativo che accompagna la diffusione dei quotidiani in Italia è frutto non di un’improvvisa disaffezione degli italiani nei confronti dei giornali cartacei (quella – bene o male – c’è sempre stata), bensì deriva in massima parte dai tagli nella distribuzione gratuita o a tariffe agevolate in scuole, aeroporti e quant’altro, che quasi tutte le redazioni hanno deciso per far fronte alla crisi. Già, perché a fronte di perdite in doppia cifra di tutti – ma proprio tutti, eccetto il Giornale di Feltri – i grandi quotidiani nazionali, alcuni di essi ha addirittura incrementato i dati di vendita nelle edicole. È il caso del Corriere della Sera (che si conferma il quotidiano più venduto) che a febbraio ha fatto registrare, rispetto a un anno fa, una sostanziale tenuta nelle edicole, a fronte di un calo vistoso e preoccupante (-18,5% e passaggio da 578mila a 470mila copie distribuite) nella distribuzione totale. Vanno un po’ meglio le cose per la Repubblica, che si conferma stabilmente il secondo quotidiano nazionale pur passando a 450mila copie vendute rispetto alle 505mila del febbraio 2010 e guadagnando, addirittura, l’1,1% in edicola. La Gazzetta dello Sport, poi, passa da 336mila a 305mila copie distribuite, perdendo il 9,2%, mentre il calo più vistoso lo ha fatto registrare il Sole 24 Ore. La perdita di oltre il 19% delle copie distribuite (da 321mila a 258mila) non dipende solo dalla gestione Riotta che non sta dando i suoi frutti, ma anche dal taglio delle operazioni promozionali che ha preso piede ad aprile 2009. Per avere dei dati più lineari ed eloquenti dovremo aspettare ancora due mesi. Perdite, anche se in misura minore, per gli altri quotidiani: si va dal 9% di QN, al 7,9% del Secolo XIX, passando per il 3,4% di Libero, sino ad arrivare a chi la crisi la sta avvertendo di meno: La Stampa (-1,9%) e il Messaggero (-1,7%). Uniche due mosche bianche del panorama della carta stampata sono il Giornale di Feltri, che in completa controtendenza guadagna addirittura il 6% e l’Avvenire che, orfano di Boffo, recupera rispetto a un anno fa lo 0,3%. (L.B. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Diffusione quotidiani in Italia. Tutti a picco, ma c’è il trucco

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL