Digitale terrestre, LCN: l’arma spuntata dell’Agcom

Tra pochi giorni (il 4 febbraio) Agcom concluderà l’istruttoria sugli LCN e la relativa delibera, recante i principi regolamentari, sarà pubblicata entro il 15 febbraio.

Si tratta, come noto, della procedura riguardante l’ordinamento automatico dei canali digitali (il logical channel numbering; LCN, appunto), la cui mancata regolamentazione (o l’autoregolamentazione sbilanciata) sta favorendo il consolidamento dei superplayer e la distruzione dei piccoli operatori. Il rischio, tuttavia, è che, quand’anche Agcom si pronunciasse a favore di una delle proposte avanzate dalle rappresentanze degli operatori (su queste pagine abbiamo dedicato attenzione a quella, invero molto contestata, di DGTVi, ma anche alle soluzioni del Comitato Rtv Locali-Adiconsum e di ATDI), i relativi poteri d’intervento potrebbero essere messi in seria difficoltà dalla mancanza di un esplicito conferimento degli stessi. A riconoscere tale carenza (che giocoforza renderebbe semplice la proposizione di ricorsi contro i provvedimenti dell’Agcom in materia) è lo stesso presidente Corrado Calabrò, che, in occasione dell’audizione in Parlamento a riguardo dello schema di decreto legislativo che dà attuazione alla Direttiva 2007/65/CE sui servizi di media audiovisivi, si è espresso sulla questione. "Segnalo infine l’opportunità di prevedere nel decreto legislativo in esame una norma di rango primario relativa all’ordinamento automatico dei programmi (il cosiddetto LCN)", ha spiegato il presidente dell’Agcom, aggiungendo che "L’ordinamento automatico è direttamente legato alla possibilità dei cittadini (più volte richiamata dalla Direttiva) di fruire dei contenuti innovativi della programmazione digitale. La norma potrebbe affidare all’Autorità il compito di predisporre un piano per la numerazione automatica dei programmi, in particolare per il digitale terrestre. Com’è noto l’anarchia in tema di numerazione automatica sta provocando disagi ai cittadini nelle zone dov’è avvenuto il passaggio al digitale. L’Autorità sta intervenendo ma manca un consolidamento del nostro potere d’intervento nella normativa primaria". Come dire: attenzione perché qui si rischia di combattere una battaglia con spade di carta…

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Digitale terrestre, LCN: l'arma spuntata dell'Agcom

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL