Diritti Tv serie A 2015-2018, indagine Agcm. Mediaset: assegnazione perfettamente regolare

In merito agli accertamenti ordinati dall’Autorità Antitrust sull’assegnazione dei diritti tv Serie A 2015-2018, il gruppo Mediaset "ricorda che gli accordi definitivi hanno ricevuto il benestare sia di AgCom sia di Antitrust in conformità con la Legge Melandri.

Quanto ai fatti precedenti all’accordo finale cha ha garantito la visione delle partite di Serie A a tutti i telespettatori, Mediaset precisa quanto segue: – nessun "nuovo entrante" ha presentato offerte superiori alla base d’asta di ciascun pacchetto e quindi non è possibile supporre sia stato discriminato – la Legge Melandri che ha introdotto la vendita centralizzata dei diritti tv impedisce la formazione di pacchetti non equilibrati e di conseguenza l’assegnazione dei pacchetti "A"+"B" a un unico operatore, eventualità che di fatto avrebbe annullato ogni forma di concorrenze nel mercato della pay tv. – è solo grazie alla nascita di Mediaset Premium che la pay tv italiana assicura vantaggi sia al movimento calcistico sia ai consumatori. La concorrenza sui diritti fa ovviamente accrescere il valore televisivo del Campionato di Serie A che ne beneficia in termini di ricavi. E la presenza di diverse offerte televisive garantisce ai telespettatori la possibilità di scelta sia editoriale sia di prezzo. Per tutti questi motivi, e per quanto la riguarda, Mediaset è assolutamente convinta che l’assegnazione dei diritti tv sia perfettamente regolare
". (M.L. per NL)
printfriendly pdf button - Diritti Tv serie A 2015-2018, indagine Agcm. Mediaset: assegnazione perfettamente regolare
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Diritti Tv serie A 2015-2018, indagine Agcm. Mediaset: assegnazione perfettamente regolare

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL