Dissequestrate alcune porzioni del sito dell’associazione di consumatori ADUC

Il Tribunale di Padova ritiene che le opinioni pubblicate dagli utenti su alcune aziende siano libera espressione e che quindi vadano tutelate. E ora tornano online


da Punto Informatico

Firenze – Il sito di ADUC è ora più completo: una sentenza del Tribunale di Padova ha dichiarato illegittimo l’oscuramento di quelle porzioni del sito che contenevano riferimenti con accezione negativa a Evolution Travel (marchio della società Dodotour srl), Dodotour S.r.l. e Luca Baldisserotto suo amministratore, riaffermando il pieno diritto dell’Associazione alla libera manifestazione del pensiero.

In una nota ADUC ricostruisce la vicenda, spiegando che alcuni utenti avevano scritto al servizio “Cara ADUC” mettendo in dubbio certe caratteristiche delle offerte delle aziende citate, opinioni che avevano indotto la sezione distaccata di Este del Tribunale di Padova, su richiesta di Dodotour, di oscurare alcune pagine.

Nei giorni scorsi, i magistrati hanno deciso (vedi ordinanza) di dare ragione ad ADUC, sostenendo – spiega l’Associazione – “il principio di diritto secondo il quale un giudice non può, come accaduto ad Este, emettere un provvedimento di censura generalizzato ed applicabile a chiunque si renda responsabile, non tanto di diffamazione, quanto piuttosto di fare rilievi critici”.

L’Associazione ha anche preannunciato che i propri legali stanno predisponendo una richiesta di risarcimento danni per quanto accaduto.

printfriendly pdf button - Dissequestrate alcune porzioni del sito dell'associazione di consumatori ADUC