DTT. Anche Mediaset punta ad un nuovo canale in chiaro: continua il fermento nel mercato degli lcn

Secondo alcune indiscrezioni, pare che Mediaset sia interessata all’acquisto dell’autorizzazione associata al logical channel number 20 di Rete Capri per un progetto destinato ad un target adulto e probabilmente indirizzato ad arginare gli effetti della concorrenza Viacom in arrivo sul 27 a febbraio.

Continua dunque a crescere il movimento nel mercato dei canali sulla tv digitale terrestre. Secondo alcune indiscrezioni, pare che il gruppo Mediaset abbia, lo scorso mese di novembre, sfiorato la possibilità di impossessarsi di una nuova rete in chiaro grazie all’acquisizione del logical channel number 20, attualmente in mano a Rete Capri. Inoltre, sarebbero state intraprese anche delle trattative (con lo stesso player campano) per il canale 55, dove invece si trova Capri Gourmet, anche se pare che quest’ultimo, insieme al 66 di Radio Capri on tv, dovrebbe passare in un unico pacchetto a GM Comunicazione, che già gestisce Sport Italia (lcn 60). Tuttavia, secondo quanto riporta un articolo di ItaliaOggi, il dialogo non avrebbe condotto alla conclusione dell’accordo a causa delle numerose trattative messe in gioco dal gruppo di Cologno Monzese, come il sontuoso investimento nel crescente settore radiofonico (con l’acquisizione delle quote in Finelco, editore di Radio 105, RMC e Virgin Radio) o quello di Mondadori nel campo dei libri. La situazione però, dal mese di novembre, si è leggermente evoluta. In primo luogo, a metà dicembre, Rete Capri ha dovuto issare bandiera bianca davanti alla crisi e, soprattutto, ai debiti. retecapri - DTT. Anche Mediaset punta ad un nuovo canale in chiaro: continua il fermento nel mercato degli lcnHa infatti richiesto al Tribunale di Napoli l’ammissione al concordato preventivo in continuità per uscire da un pantano di creditori difficilmente arginabile, visti anche i risultati deludenti negli ascolti. Sul piatto un patrimonio che include diversi marchi/palinsesti, fra cui le già citate Rete Capri (lcn 20), RadioCapri on TV (lcn 66) e Capri Gourmet (lcn 55) ma anche Neko Tv (lcn 45), Capri Store (lcn 122), Capri Casinò (149) e Capri Fashion (247), insieme ai diritti d’uso DTT del gruppo e al suo patrimonio immobiliare. In tutto, i beni arriverebbero al valore totale di 48,7 mln di euro. La situazione finanziaria del gruppo meridionale apre di sicuro le porte a probabili contrattazioni future e Mediaset è senza dubbio un interlocutore più che interessato. Bisogna inoltre tenere presente la recente conferma della notizia, da noi già anticipata, che l’all news Sky tg 24 lascerà il canale 27 e che questo andrà nelle mani di Viacom per il suo Paramount Channel, un pericoloso concorrente nell’ambito cinema, lo stesso coperto da Iris. Per quello che riguarda il progetto per la nuova rete di Mediaset invece, sempre secondo ItaliaOggi, sarebbe quello di un canale “orientato ad un pubblico maschile e con un palinsesto in stile action”. I canali dedicati alla fascia di età adulta (attualmente Iris, La5, Italia 2, Top Crime e Mediaset Extra) sono diretti da Marco Costa e proseguono con un discreto successo, cumulando uno share del 5% in prima serata. Piccole note stonate fra queste sono Mediaset Extra e Italia 2, che faticano più delle altre nella crescita di ascolti. Occhio però all’interesse di altri operatori: pare, infatti, che la posizione 20 del telecomando sulla tv digitale italiana abbia attirato le attenzioni del gruppo statunitense Scripps, almeno stando a quanto si leggeva il mese scorso sull’argomento. Cresce insomma il fermento nel mercato degli lcn, fra acquisizioni vecchie (come i clamorosi cambi di proprietà dei canali 8 e 9 dello scorso anno) e nuove (come la recente operazione che ha coinvolto Sky, Viacom e Effe tv per gli lcn 27 e 50). Una crescita che, molto probabilmente, avrà delle conseguenze anche sul comparto locale. (E.V. per NL)
printfriendly pdf button - DTT. Anche Mediaset punta ad un nuovo canale in chiaro: continua il fermento nel mercato degli lcn