DTT: asta frequenze o ancora beauty contest? Opinioni contrastanti

Mentre si è in attesa di capire cosa deciderà Passera sul “concorso di bellezza”, si susseguono sui media le opinioni di esperti della materia pro e contro l’indizione di un’asta per l’assegnazione delle frequenze per la tv digitale terrestre.

Ad esprimersi a favore della trasformazione del concorso in asta è sul Corriere della Sera (edizione del 9 dicembre) Francesco Siliato, docente di Sociologia della comunicazione al Politecnico di Milano, secondo cui, nonostante in Europa la strada seguita per l’assegnazione delle frequenze televisive sia stata quella del beauty contest, l’anomalia del nostro sistema radiotelevisivo, con “broadcaster che già con l’analogico avevano tre reti”, richiede “un approccio diverso se non si vuole incorrere in nuove sanzioni Ue”. Secondo Siliato, l’annullamento del beauty contest dovrebbe però accompagnarsi alla definizione di nuove regole che vietino “concentrazioni nella proprietà e nella raccolta pubblicitaria”. A suo giudizio le nuove norme dovrebbero “impedire agli editori con più di 2-3 multiplex di partecipare all’asta”. Una gara che potrebbe portare nelle casse dello stato “tra i 3 e i 5 miliardi” (ormai quasi tutti gli opinionisti si stanno orientando sulla stima effettuata da questo periodico oltre un anno fa, ndr). Se dunque per Siliato “In un Paese normale non ci sarebbero dubbi” nell’intraprendere questa strada, di parere opposto è Vincenzo Zeno-Zencovich, professore di diritto comparato all’Università Roma Tre ed esperto di media e nuove tecnologie. Intervistato da Il Giornale (edizione odierna), Zeno-Zencovich parla di una palese illegittimità con riferimento alla possibilità dell’indizione dell’asta delle frequenze, in quanto la revoca del beauty contest arrecherebbe alle imprese partecipanti “un grave danno in termini di investimenti pianificati, assunzioni, acquisizione di programmi del quale finirebbero per chiedere un risarcimento allo Stato”. Inoltre, continua Zeno-Zencovich, annullando il bando “il governo si porrebbe in contraddizione con l’authority e soprattutto con un atto che ci è stato chiesto da Bruxelles”, considerato che il concorso poggia su una delibera dell’Agcom “concordata fin nel dettaglio con la Commissione europea”. E se c’è chi obietta che l’asta potrebbe essere la soluzione migliore, portando, a riprova delle proprie argomentazioni, il successo delle aste relative alle frequenze di telefonia, il professore, allineandosi al pensiero espresso nei giorni scorsi da Silvio Berlusconi, pare voler spazzar via ogni equivoco sostenendo che “nelle telecomunicazioni la rete è quasi tutto, c’è una struttura dei costi più semplice e un pubblico affamato che garantisce grandi ricavi. Una frequenza tv quanto vale? Di per sé nulla – precisa Zeno-Zencovich – visto che non dà certezza in ordine al ritorno economico. Nella televisione la rete è solo l’inizio, l’investimento grosso è sulla produzione o sull’acquisto di contenuti”. (D.A. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - DTT: asta frequenze o ancora beauty contest? Opinioni contrastanti

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL