DTT, beauty contest, altre rogne per il governo: Tivuitalia si prepara ad impugnare il bando e a contestare il suo declassamento all’UE

Il beauty contest per l’assegnazione gratuita dei cinque multiplex ai broadcast gia’ operanti sul mercato televisivo italiano e ai nuovi entranti, scrive MF, potrebbe subire un improvviso e brusco stop a poche ore dalla pubblicazione del bando di gara (tra venerdi’ e lunedi’ prossimo).

A mettere i bastoni (legali) tra le ruote al bando per l’assegnazione delle frequenze digitali tv che il ministero dello Sviluppo Economico ha predisposto e consegnato alla Ue (che lo ha approvato non senza qualche riserva) sara’ con ogni probabilita’ Tivuitalia, societa’ attiva nella distribuzione del segnale e dei contenuti televisivi controllata dalla quotata Screen Service. Il perche’ e’ presto detto. Dopo che il ministro Paolo Romani ha di fatto declassato Tivuitalia (che copre 18 regioni su 20 e piu’ del 70% della popolazione italiana) da operatore di dimensione nazionale a soggetto di taglia ridotta o locale, l’azienda ha deciso di passare al contrattacco su tutti i fronti. E dopo essersi rivolta alla giustizia amministrativa italiana e alla Ue con una missiva datata 5 luglio e indirizzata a Krzysztof Kuik, responsabile dell’unita media della Commissione Europea, e’ intenzionata a fare valere le proprie ragioni anche per quel che riguarda il tanto atteso beauty contest. (MF Dow Jones)
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - DTT, beauty contest, altre rogne per il governo: Tivuitalia si prepara ad impugnare il bando e a contestare il suo declassamento all'UE

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL