DTT, proroga dei tempi per la liberazione delle frequenze della banda 800 MHz: quesito FRT al MSE

Il 6 giugno u.s. il TAR del Lazio (Sezione prima) con ordinanze numero 3592 e 3593, ha disposto la riapertura dei termini per la presentazione delle domande di volontario rilascio di porzioni di spettro funzionali alla liberazione delle frequenze della banda 790-862 MHz per un periodo di tre giorni al fine di ripristinare la parità di condizioni tra i partecipanti.

In attesa della pubblicazione in G. U. del decreto di proroga, l’Associazione Tv Locali FRT ha presentato un quesito al ministero dello sviluppo economico per sapere "se è corretta l’interpretazione secondo la quale i soggetti interessati al volontario rilascio delle frequenze in possesso dei requisiti previsti dal decreto 23/1/2012, possono presentare domanda per il volontario rilascio della frequenza loro assegnata e contestualmente stipulare un accordo con un terzo operatore di rete locale al fine di condividere la frequenza di quest’ultimo attraverso la contitolarità del diritto d’uso. In caso di accettazione della domanda il ministero dovrebbe provvedere a modificare il diritto d’uso assegnando ad entrambi i soggetti la stessa frequenza ripartendo la capacità trasmissiva sulla base delle richieste dei soggetti medesimi. Tale semplice meccanismo, che non necessita della creazione di nuove società o consorzi fra gli operatori, consentirebbe al MSE di raggiungere l’obiettivo della liberazione delle frequenze necessarie eliminando il rischio di ricorsi e quindi rispettare i termini stabiliti per legge per la liberazione delle frequenze. Inoltre ciò consentirebbe un efficiente utilizzo dello spettro radioelettrico. Tutto ciò – spiega la federazione – diviene, a nostro avviso, indispensabile alla luce degli scarsi risultati fin qui ottenuti con il decreto di liberazione".
printfriendly pdf button - DTT, proroga dei tempi per la liberazione delle frequenze della banda 800 MHz: quesito FRT al MSE