DTT. Tanti editori ed eterogenei, la lezione digitale d’Oltremanica

(Velino) – I broadcaster storici, già presenti sulla vecchia tv analogica, mantengono una significativa centralità anche con il passaggio al digitale terrestre editando due terzi circa dei canali digitali gratuiti distribuiti. È la conclusione cui giunge l’analisi di e-Media institute, pubblicata sul numero di aprile della newsletter Digita, riguradante Inghilterra, Spagna, Francia e Italia. Il Regno Unito, in particolare, si caratterizza per un numero più elevato di editori presenti e per la loro maggiore “eterogeneità”. Se ne contano 18 per un’offerta all’interno di Freeview di ben 37 canali nazionali di cui circa la metà prodotti dai quattro operatori tradizionali. L’Italia – con 13 editori e 26 canali – è il Paese dove maggiore è la presenza di editori “extra Tv” e editori esteri. Oltre ai cinque operatori tradizionali (Rai, Mediaset, Telecom Italia Media, Mtv e gruppo L’Espresso), sulla Tdt gratuita compaiono infatti tre operatori “extra Tv” (Anica Flash, Class Editori e CEI-Sat2000) e ben cinque operatori esteri (BBC, Holland Interactive Group, Turner Broadcasting System Europe, TF1 e France Télévisions). In Spagna si contano nove editori (5 tradizionali) per 20 canali. In Francia, infine, 11 editori per 18 canali. I broadcaster storici, già presenti sulla vecchia tv analogica, mantengono una significativa centralità anche con il passaggio al digitale terrestre editando due terzi circa dei canali digitali gratuiti distribuiti. È la conclusione cui giunge l’analisi di e-Media institute, pubblicata sul numero di aprile della newsletter Digita, riguradante Inghilterra, Spagna, Francia e Italia. Il Regno Unito, in particolare, si caratterizza per un numero più elevato di editori presenti e per la loro maggiore “eterogeneità”. Se ne contano 18 per un’offerta all’interno di Freeview di ben 37 canali nazionali di cui circa la metà prodotti dai quattro operatori tradizionali. L’Italia – con 13 editori e 26 canali – è il Paese dove maggiore è la presenza di editori “extra Tv” e editori esteri. Oltre ai cinque operatori tradizionali (Rai, Mediaset, Telecom Italia Media, Mtv e gruppo L’Espresso), sulla Tdt gratuita compaiono infatti tre operatori “extra Tv” (Anica Flash, Class Editori e CEI-Sat2000) e ben cinque operatori esteri (BBC, Holland Interactive Group, Turner Broadcasting System Europe, TF1 e France Télévisions). In Spagna si contano nove editori (5 tradizionali) per 20 canali. In Francia, infine, 11 editori per 18 canali. (Gianluca Vacchio)
printfriendly pdf button - DTT. Tanti editori ed eterogenei, la lezione digitale d’Oltremanica