Editoria. Briglia (Mondadori): “La crisi è una grande opportunità per cambiare. Bisogna reinvestire sui brand chiave”

Bisogna reinvestire, e molto, sui nostri brand chiave. Dobbiamo trovare idee e risorse per migliorare i contenuti persino investendo nell’aspetto fisico del prodotto giornale: nella qualità della carta, ad esempio, o nei formati”


(Franco Abruzzo.it) – Milano, 22 dicembre 2008. Roberto Briglia, direttore generale dei periodici Mondadori, spiega in un’intervista a “Prima Comunicazione”, pubblicata sul numero in edicola a Milano e Roma da oggi lunedì 22 (e da domani nelle altre città), perché la riorganizzazione cominciata con il licenziamento di sei dirigenti non è causata dalla crisi. «La crisi c’è, forte e strutturale, ma il punto di partenza per noi non è, in realtà, questo. O meglio, non è soltanto l’aspetto economico della crisi, ma quali sono le priorità della prossima fase. I temi sono due, più qualitativi: la rifocalizzazione sui giornali e i nuovi modelli organizzativi. Il risparmio sui costi è la ricaduta virtuosa di questa strategia, non il contrario», dichiara Briglia a Prima. «Bisogna reinvestire, e molto, sui nostri brand chiave. Dobbiamo trovare idee e risorse per migliorare i contenuti persino investendo nell’aspetto fisico del prodotto giornale: nella qualità della carta, ad esempio, o nei formati. Il marketing deve tornare a valorizzare l’identità e la capacità attrattiva delle testate, non la vendita dei collaterali. Occorre che il rapporto editore-direttore-pubblicità diventi un triangolo perfetto, in grado di parlare con efficacia e convinzione al lettore e all’inserzionista», spiega Briglia nell’intervista a Prima. «Più la competizione si fa ardua, più hai necessità di ideazione e velocità. Per questo occorrono strutture organizzative estremamente agili. E se sei agile costi di meno. Se costi di meno conquisti tempo e risorse per trasformare la crisi in opportunità, per vincere sulla concorrenza», sottolinea Briglia nell’intervista a Prima. «C’è poi un altro punto di discontinuità: i modelli organizzativi delle redazioni», osserva Briglia nell’intervista a Prima. «Abbiamo un modello gerarchico che non funziona più, meccanicistico e autoreferenziale, che produce separazione fra le redazioni, il mondo esterno e i lettori. Non do la responsabilità ai giornalisti: è un modello generale che spinge a reiterare vecchi comportamenti. Ma va cambiato. Oggi l’organizzazione deve essere al servizio della discontinuità dei contenuti, delle identità, del valore d’uso. Se il rinnovo del contratto nazionale è diventato un tormentone infinito dipende, in fondo, da questo». (Adnkronos)

printfriendly pdf button - Editoria. Briglia (Mondadori): "La crisi è una grande opportunità per cambiare. Bisogna reinvestire sui brand chiave”
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Editoria. Briglia (Mondadori): "La crisi è una grande opportunità per cambiare. Bisogna reinvestire sui brand chiave”

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL