Editoria: fra Murdoch e iPad, i giornali alla guerra delle news digitali

L’ultimo segnale in ordine di tempo e’ arrivato da Rupert Murdoch, che a 79 anni, dopo aver costruito una fortuna comprando e ristrutturando giornali ‘cartacei’ (dal ‘Times’ al ‘Wall Street Journal’) ha deciso di acquistare da Hearst (altro grande nome della carta stampata) la piattaforma digitale Skiff.

Skiff, che è uno strumento realizzato per consultare giornali elettronici su una serie di dispositivi, dai pc portatili agli smartphone, senza dimenticare i tablet, potrebbe risultare per Murdoch una formidale occasione per rafforzare la propria presenza su un segmento del mercato dell’informazione promettente. D’altronde sulla ‘tavoletta’ per eccellenza, l’iPad di Apple si contano in poche settimane gia’ piu’ di 120 testate digitali: quasi tutte gratuite (per ora) ma pronte a trasformarsi in un’edicola a pagamento non appena il mercato sara’ maturo. E questo momento, a dar retta all’ultimo rapporto dell’Ocse su "Futuro delle notizie e Internet" non appare davvero lontano. Le 90 pagine del documento, infatti, appaiono quasi come un de profundis per il modello tradizionale di informazione scritta. In 20 dei 31 paesi membri dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico dal 2007 al 2009 il tasso di lettura dei giornali tradizionali e’ sceso drammaticamente, dal -10 per cento della Germania al -30 % degli Stati Uniti (l’Italia e’ a meta’ strada con un calo del 18 per cento). Si tratta di un crollo dovuto certo alla crisi, ma soprattutto alla ‘perdita’ dei lettori giovani, per i quali l’approvvigionamento di informazioni avviene soprattutto via web. E se a livello mondiale il numero di quotidiani non scende e’ solo grazie all’apporto dei paesi in via di sviluppo, spesso di recente democrazia. In ogni caso per il 2009, ammonisce l’Ocse, la perdita di fatturato globale per il settore e’ stata pari al 10 per cento: ancora una volta la crisi colpisce duro negli Usa dove il fatturato dell’informazione scritta e’ passato dai circa 59 miliardi di dollari del 2004 ai circa 39 dello scorso anno. (fonte Adnkronos)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Editoria: fra Murdoch e iPad, i giornali alla guerra delle news digitali

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL