Editoria francese contro Google. Entro la fine del 2010 notizie fuori dal motore di ricerca

Ai francesi piace fare le cose da sé. Infatti, mentre i paesi di mezza Europa hanno scelto di intraprendere vie legali con ricorsi all’Antitrust per combattere l’appropriazione indebita di contenuti da parte del gigante di Mountain View, gli editori d’Oltralpe hanno optato per una strada di coesione piuttosto patriottica e finalizzata a condurre una battaglia sostanzialmente diversa, ma con fini analoghi agli altri paesi dell’Unione.

In sostanza, entro fine 2010, i giornali francesi potrebbero sottrarre i propri contenuti a Google, rimanendo uniti sotto un altro motore di ricerca: uno francese, di nuova creazione, dedicato esclusivamente a tutti gli editori che volessero impegnarsi nella monetizzazione dei propri contenuti e nella proposta di nuovi abbonamenti, anche trasversali, per la consultazione delle notizie dei principali quotidiani (non è ancora noto il nome, ma pare che il progetto abbia già preso forma e si avvia verso la conclusione). Così veniva riportato, solo due giorni fa, sul quotidiano Les Echos, nel cui articolo si inneggiava all’unione che, in questo caso, potrebbe fare la forza degli editori francesi. Google, del resto, ha creato non pochi problemi nell’ultimo biennio ai più grossi quotidiani europei e internazionali. Anche se, in qualche modo, sembra che stia tentando di rimediare con Newspass, un sistema integrato di notizie a pagamento provenienti da diverse fonti, che dovrebbe aiutare gli editori a monetizzare i propri contenuti. Quegli stessi contenuti che, evidentemente, senza Google non otterrebbero lo stesso indice di popolarità in rete. Insomma, sebbene l’impegno dei francesi sia indubbiamente meritevole e abbia destato l’interesse di molti altri editori europei, sembra che ormai sia impossibile raggiungere l’utenza di riferimento senza l’apporto delle tecnologie di Google. (M.M. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Editoria francese contro Google. Entro la fine del 2010 notizie fuori dal motore di ricerca

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL