Editoria italiana: nessun segnale di ripresa

(Adg Informa) – Trimestre ancora in rosso per l’editoria italiana. La crisi è diffusa e le perdite pesanti, soprattutto per i mancati introiti pubblicitari, che fanno registrare un calo tra il 20 ed il 30%. Rcs Mediagroup, la Poligrafici Editoriale e Mondadori sono tutte in perdita. Si risponde alla crisi con piani di contenimento e tagli alle principali voci di spesa, tra cui quella del personale. Rcs Mediagroup registra nel primo trimestre 2009 una perdita netta di 40,7 milioni di Euro e una discesa dei ricavi pubblicitari complessivamente pari al 30,2%. È una flessione trasversale che riguarda tutte le pubblicazioni: il Corriere della Sera e la Gazzetta dello Sport fanno registrare una diminuzione del 22,8%, in Spagna El Mundo e il quotidiano sportivo Marca del 33,9%, mentre per i periodici il calo è del 27,9%. Alla Poligrafici Editoriale i ricavi pubblicitari sono scesi del 23,6% e il risultato netto del gruppo è di meno 3,4 milioni di Euro. Anche per Mondadori il trimestre è stato in perdita: meno 1,8 milioni contro l’utile di 17,7 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente. La situazione del mercato pubblicitario potrebbe migliorare a partire dall’autunno di qeust’anno. Nel mentre le principali case editrici italiane stanno elaborando e mettendo in atti piani di contenimento. Alla Rcs Mediagroup l’obiettivo è risparmiare oltre 200 milioni di Euro con una manovra che dovrebbe fare registrare effetti positivi a partire dal 2010. La spesa subirà un taglio tra il 20 ed il 25%, con pesanti riduzioni sia sui costi del lavoro e dei collaboratori, sia su quelli editoriali, di beni e servizi e di marketing. Al Corriere della Sera 88 giornalisti, sui 361 che compongono la redazione, entro aprile 2010 dovrebbero lasciare il giornale con scivoli e agevolazioni. Sui piani di ristrutturazione che riguardano Rcs Quotidiani il cdr di Via Solferino li ha ufficialmente bollati come irricevibili ed ha già consegnato allo stesso comitato di redazione un pacchetto di sei giorni di sciopero. Per Rcs Periodici, invece, si prospetta la chiusura di alcuni periodici. Oltre a Rcs, stanno facendo ricorso a manovre di ridimensionamento anche L’Espresso, Caltagirone Editore, Poligrafici Editoriale e aziende di quotidiani locali come l’Eco di Bergamo e la Provincia di Como. Complessivamente si stima che saranno circa 500 i giornalisti coinvolti in questi piani di contenimento.
 

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Editoria italiana: nessun segnale di ripresa

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL