Emendamento al Dl di esecuzione degli obblighi Ue per la riassegnazione delle frequenze digitali, Confalonieri: “Emendamenti non sono legge ad personam”

“E’ semplicemente una risposta all’Europa. Gentiloni – ha detto Confalonieri, commentando duramente le dichiarazioni dell’ ex minsitro delle Comunicazioni – è stato scorretto, doveva fare lui questa cosa per rispondere all’Europa


da Franco Abruzzo.it

TV. CONFALONIERI: “EMENDAMENTI NON SONO LEGGE AD PERSONAM”

Cannes, 21 maggio 2008. Gli emendamenti del Governo al decreto ‘salva-infrazioni’ in materia di tv, oggi in discussione alla Camera, “non sono una legge ad personam”: lo ha detto il presidente del gruppo Mediaset, Fedele Confalonieri, subito dopo la conferenza stampa internazionale per annunciare l’acquisizione del 25% della tv satellitare nordafricana Nessma Tv. “E’ semplicemente una risposta all’Europa. Gentiloni – ha detto Confalonieri, commentando duramente le dichiarazioni dell’ ex minsitro delle Comunicazioni – è stato scorretto, doveva fare lui questa cosa per rispondere all’Europa. Invece non l’ha fatto, preferendo agitare la questione delle sanzioni della Comunità europea come uno spauracchio politico. Bisogna mettere sul digitale terrestre tutti nelle stesse condizioni, ma questa semplice frase non è stata inserita nel precedente provvedimento”. Confalonieri ha poi ricordato che il ricorso di Europa 7 ha avuto dalla Corte di giustizia europea il rinvio al Consiglio di Stato “semplicemente per un risarcimento”. (ANSA).

TV: GIACHETTI, INACCETTABILE SE GOVERNO AGGIRA DIRETTIVE CORTE UE = SU ASSEGNAZIONE FREQUENZE FAREMO OPPOSIZIONE SENZA SCONTI

Roma, 21 maggio 2008. «Non c’è niente da fare, sulle frequenze tv il riflesso del governo Berlusconi è sempre lo stesso». Lo dichiara il parlamentare del Pd, Roberto Giachetti. «Aggirare con un emendamento ad hoc le prescrizioni della Corte europea è un modo inaccettabile per sanare di fatto gli attuali titolari delle frequenze tv. Insomma, ci risiamo: sulla televisione il riflesso pavloviano della maggioranza spunta fuori di nuovo». «Su questo punto faremo una opposizione senza sconti, perchè il tema è quello centrale del pluralismo dell’offerta televisiva, su cui non si scherza -conclude l’esponente del Pd- ora l’Europarlamento tornerà ad occuparsi dell’Italia, ma non sulla sicurezza, bensì sulla tv». (Adnkronos)

printfriendly pdf button - Emendamento al Dl di esecuzione degli obblighi Ue per la riassegnazione  delle frequenze digitali, Confalonieri: "Emendamenti non sono legge ad personam"