Ennesimo (pessimo) show al Senato sul caso-Rai

Mastella se ne va, la CdL non riesce a dare la “spallata” e il Governo ritira la mozione per non andare in minoranza. Un pomeriggio di ordinaria follia che sancisce una cosa: il Governo non ha più una maggioranza, ma neanche un’opposizione


Antonella Rampino, su “La Stampa” di ieri, diceva una cosa, a nostro avviso, molto saggia: “Alla fine della carambola sulla Rai in Senato c’è un unico dato certo: non c’è più una maggioranza, e non c’è nemmeno un’opposizione”. E, purtroppo o per fortuna, è vero. L’Unione è riuscita a reggere alle “imboscate” del clan Calderoli grazie alla strumentale assenza di Storace e i suoi seguaci de “La destra”, in aperta polemica con la loro coalizione. Mastella ha abbandonato l’aula minacciando crisi di Governo, salvo ripensarci al termine d’una telefonata con il sempre più isolato Prodi. Il dato finale è stato, come al solito, un nulla di fatto: la politica non si muove, non decide, immobilizzata da un sistema marcio dal suo interno. Certo è, comunque, che non è normale che il Senato debba intervenire d’urgenza per tappare la falle della tv di Stato, “a chi mai verrebbe in mente di intervenire sull’ordine del giorno del CdA delle Poste o delle Ferrovie?”, si chiede comprensibilmente il presidente Petruccioli, anche se, a dire il vero, anch’esse meriterebbero una tiratina d’orecchi da parte della politica, se questa non avesse già tanti grattacapi cui pensare. In sostanza, comunque, l’unica decisione presa a Palazzo Madama riguarda il blocco nei confronti di qualunque mossa che riguardi il CdA(eventuale scioglimento promosso da Veltroni, ipotesi sempre più lontana) fino alla presentazione ufficiale di un Piano industriale e delle strategie editoriali, che hanno come termine massimo il 31 dicembre. Intanto, l’altro ieri, alla vigilia dello show in Senato, Petruccioli si augurava che “da parte della politica” ci fossero “meno chiacchiere sulla nostra autonomia e più sobrietà di comportamenti”. Augurio prontamente smentito dal solito avanspettacolo parlamentare. (Giuseppe Colucci per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Ennesimo (pessimo) show al Senato sul caso-Rai

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL