Fiorentina e Comune: “Scandalo Rai”, parte iniziativa pro Radioblù

I diritti della partita, in programma il prossimo 27 agosto, sono stati acquistati dalla tv toscana Conto Tv che ha fatto proprio tutto il pacchetto, diritti video quindi, ma anche audio


Fiorentina.it

13/08/2008

La società AcfFiorentina sta lavorando assieme a due rappresentanti dell’amministrazione comunale, Giani della maggioranza e Pieri dell’opposizione, e l’emittente Radioblù (detentrice dei diritti radiofonici locali della Fiorentina per il campionato), per tentare di scardinare il monopolio di Conto Tv riguardo alla gara di ritorno del preliminare Champions tra Slavia e Fiorentina. I diritti della partita, in programma il prossimo 27 agosto, sono stati acquistati dalla tv toscana che ha fatto proprio tutto il pacchetto, diritti video quindi, ma anche audio. Questo impedirà di fatto la trasmissione della diretta radiofonica dell’incontro a tutte le emittenti locali. Dovrebbe invece essere garantito il diritto di reciprocità per Radio Rai (ieri sera la radio nazionale ceca ha trasmesso la cronaca diretta della gara regolarmente dal Franchi), verrà così data la possibilità di seguire la diretta dell’incontro, anche se non sulle abituali frequenze radiofoniche locali, a coloro che non avranno la volontà o la possibilità di acquistare la card di Conto tv. Ma, come detto, sia la società Viola che alcuni amministratori comunali desiderano andare oltre nel garantire la possibilità di seguire la diretta radio di David Guetta, anche se realizzata in maniera del tutto particolare: verrà messa a disposizione dal Comune una struttura, forse il Palasport, per radunare i tifosi che vorranno ascoltare la partita raccontata, per loro e solo per loro, David Guetta.
Duro con la Rai tv l’amministratore delegato della Fiorentina Sandro Mencucci: “Riguardo all’ìacquisto dei diritti non si parla di cifre esagerate per il servizio pubblico – ha detto il dirigente Viola a Radioblù – insomma non c’è un motivo economico dietro alla scelta della Rai, ma motivi di palinsesto per mandare in onda qualche programmetto di qualche genere, è uno scandalo la scelta della Rai…..”. Anche l’assessore allo sport Eugenio Giani non usa mezzi termini nei confronti della tv del servizio pubblico:” Dovrmeo fare un passo formale con la Rai, – ha detto sempre a Radioblù – non è giusto che un abbonato fiorentino sia penalizzato rispetto ad uno tifoso della Juve Stiamo studiando una soluzione – ha detto Giani – che consenta alle persone che non possono permettersi la Tv a pagamento di ascoltare la voce di David Guetta in una cronaca ad uso e consumo dei soli tifosi viola presenti in un preciso luogo fisico”. Infine la voce dell’opposizione affidata al forzista Pieri:” Non è giusto che lavoratori, non vedenti e quante altre persone impossibilitate a vedere la partita non possano nemmeno ascoltarle”, un problema quest’ultimo che dovrebbe cadere se verrà riconosciuto il diritto di Radio Rai a trasmettere l’incontro. Difficile dire come prenderà queste forti prese di posiizone, ufficiali e istituzionali, il propriewtario di Conto tv Marco Crispino. L’emittente toscana, da sempre votata ai contenuti erotici e pornografici, ma di recente buttatasi sul pallone, ha sborsato uan cifra considerevole per acquistare i diritti di Slavia-Fiorentina. Il prezzo pagato, secondo alcune indiscrezioni, sarebbe più alto del prezzo medio di mercato per eventi simili (si parla addirittura di una cifra vicina ai 300mila euro). Anche la tv del servizio pubblico davanti a queste dichiarazioni della Fiorentina e del Comune di Firenze avrà il dovere di rispondere sulle proprie scelte.

S.P.

printfriendly pdf button - Fiorentina e Comune: "Scandalo Rai", parte iniziativa pro Radioblù