Giornalismo. Lezioni di stile. Polemica a tutti i costi; costi quel che costi

Oggi abbiamo riportato una bella lezione di giornalismo vivente di Indro Montanelli, pubblicata da La Stampa. Il grande giornalista, in quella occasione universitaria del 1997, invitava i giovani interessati ad intraprendere la professione dal fuggire lo scoop, mai sacrificando la verifica e l’approfondimento della notizia.

Ecco, sul fronte opposto, purtroppo, i giorni infausti dell’Abruzzo ci hanno mostrato un pessimo esempio di come non dovrebbe essere il giornalismo, in questo caso televisivo, fatto per lo più di presunti scoop, come il cosiddetto "caso Giuliani". Stiamo parlando dell’ennesima, pessima, performance di Santoro. Per farlo, riportiamo integralmente il pezzo di Aldo Grasso pubblicato sul Corriere della sera di ieri ("Zizzania in tv"), così rappresentativo della vicenda da non esigere ulteriori interventi.
"Ancora una volta Santoro ha fatto il Santoro. Dietro il paravento della libertà d’informazione, di cui è rappresentante unico per l’Italia, isole comprese, ha allestito una trasmissione all’insegna del più frusto slogan politico «piove, governo ladro». Non di pioggia si trattava, ma di un terremoto che finora ha fatto 290 vittime e quarantamila sfollati, raso al suolo paesi, buttato giù case, seminato distruzione. Ma i morti non lo fermano, la commozione non lo trattiene. Se ha in mente una tesi, che tesi sia. La tesi era che bisognava comunque attaccare la Protezione civile, specialmente Guido Bertolaso, i Vigili del Fuoco, la comunità scientifica che non ha dato ascolto agli avvertimenti di Giampaolo Giuliani, gli amministratori locali, il ponte sullo Stretto, Berlusconi, il governo. A dargli manforte in studio ha chiamato l’ex magistrato Luigi De Magistris, candidato alle Europee con l’Italia dei Valori (che acquisto per la politica!) e l’esponente di Sinistra e Libertà Claudio Fava. Contro aveva, e hanno fatto un figurone, Guido Crosetto del Pdl e Mario Giordano. Il giornalismo di Santoro funziona così: con l’aiuto delle poderose inchieste di Sandro Ruotolo e Greta Mauro ha intervistato una signora che si lamentava di un ritardo di un paio d’ore dei soccorsi, un signore che diceva di aver freddo, di un altro ancora che cercava riparo in tende non ancora montate, una studentessa che preoccupata aveva lasciato l’Abruzzo per tempo, un medico che denunciava la mancanza di bottigliette d’acqua nel suo reparto. Ne è uscito così un quadro di devastazione organizzativa da aggiungersi alla devastazione reale. Da un punto di vista simbolico, se un dottore chiede aiuto per la mancanza di qualcosa significa il fallimento dei soccorsi, l’impreparazione della Protezione civile, lo sfascio. Di fronte a una simile tragedia, ma soprattutto di fronte al meraviglioso e commovente impegno dei Vigili del fuoco, dei volontari, della Protezione civile, dei militari, di tutte le organizzazioni che hanno passato notti insonni per salvare il salvabile, Santoro si è sentito in dovere di metterci in guardia dalla speculazione incombente, di seminare zizzania con i morti ancora sotto le macerie, di descrivere l’Italia come il solito Paese di furbi, incapaci di rispettare ogni legge scritta e morale. Santoro la chiama libertà d’informazione. Esistono gli abusi edilizi, ma forse anche gli abusi di libertà".
printfriendly pdf button - Giornalismo. Lezioni di stile. Polemica a tutti i costi; costi quel che costi