Giornalisti free lance: liberi di morire di fame

Il 90% dei giornalisti autonomi guadagna meno di tremila euro lordi al mese. Una sola nota positiva: diminuiscono subordinati e parasubordinati


Il giornalista free lance è una figura che sta prendendo piede, sta istituzionalizzandosi, negli ultimi anni. Si tratta, in pratica, di collaboratori retribuiti di quotidiani, settimanali, organi d’informazione in generale, che lavorano per i suddetti, pur senza farne parte direttamente: sono autonomi, collaborano con le redazioni dall’esterno. I free lance, in Italia, sono circa 12mila e la loro scelta è motivata dalla volontà di sfuggire agli orari, alla monotonia della vita redazionale, ma anche dalla scarsa fiducia che essi nutrono nei confronti degli editori, cosa che li spinge a cercare sempre e comunque la massima autonomia, di pensiero prima ancora che di lavoro. Tra di loro, solo il 10% percepisce più di tremila euro lordi mensili, una piccolissima cerchia, confrontata con il restante 90% che per arrivare a fine mese ha bisogno di veri e propri salti mortali: tra questi, il 20% guadagna tra i 2.500 e i 3.000 euro lordi, il 12% tra i 1.800 e i 2.500, il 18% tra i 1.200 e i 1.800, addirittura il 22% tra i 600 e i 1.200, ed il restante 18% meno di 600 euro. Il gruppo più folto, quindi, percepisce un salario che si aggira sui mille euro mensili: meno male che l’età media è molto bassa, figurarsi mantenere una famiglia con mille euro il mese: una pazzia. L’età media, in particolare, si concentra nell’intervallo 25-45 anni, con una prevalenza di giovani tra i 25 e i 35. In generale, poi, le donne sono la maggioranza (58%), seppur di poco, e rappresentano la fascia più erudita dei giornalisti free lance (62% di laureate contro il 47% di laureati). C’è, poi, una nota positiva, che però racchiude, al suo interno, un aspetto che poi così positivo non è: nell’esercito dei 12mila, l’80,9% svolge un lavoro autonomo, con tanto di partita Iva (cinque anni fa erano solo il 48,8%), a fronte di un 11,1% di para-subordinati (co.co.co.) e di un 7,9% di subordinati, lavoratori a tempo determinato (erano il 30,2% nel 2002!). Questo dato, sostanzialmente positivo, cela in realtà un rovescio della medaglia un po’ meno confortante: tale genere di professione (il free lance) si sta istituzionalizzando sempre di più, segno della sempre crescente precarietà che caratterizza il mestiere del giornalista e della sempre minor propensione di quest’ultimo ad assoldarsi ai poteri forti, rappresentati dagli editori: meglio averci solo rapporti occasionali, sono più rischiosi, certo, ma la dignità non ha prezzo. (Giuseppe Colucci per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Giornalisti free lance: liberi di morire di fame

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL