Giulio Anselmi ed il rilancio de “La Stampa”

A tre anni dal suo arrivo al comando del quotidiano torinese, il direttore riassume la sua esperienza in un’intervista a “Prima Comunicazione”.
 
Una vita per il giornalismo, tre anni che hanno risollevato le sorti del quotidiano di casa Fiat, che rischiava seriamente di cadere in rovina. Ci ha pensato Giulio Anselmi, nel triennio alla direzione del giornale torinese, con alcuni accorgimenti grafici e contenutistici, a mutare le sorti de “La Stampa”. Una crescita lenta ma inesorabile che ha toccato le 311 mila copie nell’ultima rilevazione Audipress; il formato tabloid che ha dato nuova linfa vitale al giornale; un severo mantenimento di una linea editoriale tutt’altro che pop, perché, dice in un’intervista concessa a “Prima Comunicazione”, “Un giornale che scegliesse un taglio esclusivamente popolare, che ignorasse deliberatamente la politica e l’establishment, verrebbe respinto dal pubblico”. “La stampa” non si schiera apertamente con nessuna parte politica (eccezion fatta per la Fiat, sebbene non sia un’istituzione apertamente politica), ed Anselmi individua proprio nel legame stretto, viscerale, interdipendente, tra giornali e politica, uno dei mali congeniti del settore: “nel rapporto fra giornalismo e politica, ci sono elementi di vicinanza eccessiva. Ci sono giornalisti che sanno un sacco di cose che tengono per sé”, dice. Seppure, continua, “i giornali contano poco nell’opinione pubblica, che è molto più influenzata dalla televisione”, questi “contano ancora molto nell’establishment e fra gli opinion maker”. Sì, perché se internet rappresenta il futuro di un settore in lenta ma continua caduta (sia economica che strutturale), “il giornalismo scritto è ancora il nucleo duro del giornalismo italiano. La carta, tuttora, conserva un elemento di autorevolezza e credibilità che non si può attribuire a Internet. È quello che ci è rimasto e che va conservato con molta attenzione. Forse è l’ultimo bene che ci è rimasto”. Infine, il direttore risponde ad una domanda sui rapporti tra il suo giornale ed il sindaco di Torino, Chiamparino, recentemente burrascosi. “Noi abbiamo l’obbligo di fare un giornale che non sia provinciale – sostiene – senza, tuttavia, dimenticare in che contesto nazionale viviamo. Chiamparino è un buon sindaco, ma poi succede che un centrosinistra in grande difficoltà se lo sta immaginando in tutti i ruoli, come una figura salvifica, e questo non gli giova”. (G.M. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Giulio Anselmi ed il rilancio de “La Stampa”

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL