I Giornali Radio nazionali servono alle radio locali? I syndicator di news offrono qualità?

Claudio Astorri affronta un interessante e cronicamente spinoso tema editoriale


da www.astorri.it

Da qualche mese e dopo anni di specializzazione sulla sola radiofonia nazionale mi occupo anche di consulenze per la radiofonia locale. Al mio cliente nazionale in esclusiva, MONRADIO con R 101, si sono aggiunti alcuni clienti locali come BABBOLEO, STUDIO 5, VERONICA, ecc. Il mio è un ritorno, dopo 15 anni, al settore radiofonico locale cui avevo dedicato tutti gli anni ’80 della mia professione.

Qualcosa è cambiato in tutto questo tempo. Non è cambiata tuttavia, e la guarisco alla radice nei miei clienti, una certa sudditanza psicologica verso i grandi soggetti, verso le marche nazionali della radiofonia.

Se quella sudditanza fosse almeno vera paura, sarebbe paradossalmente meglio nel senso che si starebbe a una certa distanza di sicurezza; si tenderebbe dunque a non avvicinarsi editorialmente, a non copiare le scelte di musica, di conduzione e di informazione dei grandi soggetti. Invece e al contrario anche della logica, molte radio locali si sono infilate nella omologazione “simil network” che, alla fine, non ha pagato.

Un esempio di omologazione passiva, a mio avviso troppo spesso dannosa, è anche quella dei Giornali Radio nazionali diffusi dalle radio locali. Premesso che una radio locale ha essenzialmente e principalmente una missione di servizio sul suo territorio, si deve certamente comprendere che sulla sua area di ascolto insistono proprio le fameliche marche nazionali e in particolare anche quelle che sono sinonimo di informazione.

Quando a un ascoltatore, ovunque si trovi in Italia, scatta l’esigenza di sapere “Cosa sta succedendo?”, quali sono le marche radiofoniche sulle quali può trovare una risposta relativamente veloce e certamente credibile?

Le prime che mi vengono in mente sono: RAI RADIO 1, RAI RADIO 2, RADIO 24, RAI RADIO 3, RAI ISORADIO 103.3, RTL 102.5 (in particolare “Non Stop News”, dalle 6 alle 9, ma anche il “Giornale Orario”), RADIO CAPITAL (non a caso… Classici e Notizie, specie tra le 6 e le 9), ecc.

La radio locale deve dunque sapere che quando risponde con il suo Giornale Radio nazionale (prodotto da X, Y o da Z) al generico “Cosa sta succedendo?” in quel momento è in competizione con marche potentissime e potrebbe impiegare il suo tempo molto vanamente. Quando invece produce qualcosa che risponde a “Cosa sta succedendo in… (nella mia regione o nella mia area)?”, beh, allora la musica cambia e lo spazio cresce.

C’è una eccezione ovvia a questa riflessione: se il Giornale Radio nazionale diffuso (e pagato) da tantissime emittenti locali fosse di qualità o di taglio superiore o differente da quello delle marche nazionali, allora il marketing editoriale avrebbe fatto proprio centro portando valori di solidità sia alla immagine della radiofonia locale nel complesso che a quella della stazione che diffonde il “Super GR”.

E’ così oggi?!? E’ “Info 45” a cura di RADIO E RETI qualcosa che le radio nazionali singolarmente non potrebbero mai produrre e che rappresenta un vantaggio competitivo per la radiofonia locale?!?

Sembra, analizzando almeno la maggior parte dei GR nazionali per le radio locali che essi siano solo pretesti per i passaggi pubblicitari del prima e del dopo. Alcune domande. C’è bisogno di diffondere pessimi GR per giustificarne la pubblicità? Non basta la presenza di mercato spesso trentennale e con ottimi ascolti rilevati da AUDIRADIO di marche radiofoniche a carattere locale per giustificare ampiamente la domanda di spazi?

Chi riparte a offrire alle radio locali la QUALITA’ nei GIORNALI RADIO nazionali? Per quanto a lungo si potranno trattenere le radio locali nel business del NEWS SYNDICATOR rifilando solo vantaggi surrettizi di tipo finanziario o economico? Siamo certi che l’economia degli ascolti e della qualità delle loro MARCHE non interesserà mai alle proprietà delle radio locali?

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - I Giornali Radio nazionali servono alle radio locali? I syndicator di news offrono qualità?

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL