Il controverso testo della riforma forense mette in difficoltà il traballante Governo Berlusconi. Ma davanti al rischio di un disastro, Alfano non arretra

Duro come un sasso, a costo di scontentare 60 milioni di italiani per soddisfarne (una parte di) 210.000. Alfano, attaccato da tutte le parti per un ddl di riforma della classe forense che odora di vecchio e di casta, non vuole cedere, nemmeno davanti all’evidenza.

A costo di trascinare lo scricchiolante Governo Berlusconi verso l’ennesima legge impopolare, Alfano ha dichiarato: "Non ci penso nemmeno a ritirare il disegno di legge di riforma dell’avvocatura, come chiede la sinistra". Il ministro della Giustizia, ieri a Baveno, sul lago Maggiore, per la conferenza nazionale della Cassa Forense, a dispetto dei fatti, ha insistito che il disegno di legge di riforma dell’avvocatura proietterebbe nel futuro la stessa (come non si sa, visto che sembra riportare il calendario a prima della seconda guerra mondiale). ”Sono stato chiamato in Senato dall’opposizione – ha detto Alfano – che chiede non un emendamento, ma il ritiro del ddl”. E lui, tronfio, fa sapere che ha detto di no. Bravo, sarà contentissima la maggioranza degli italiani.
 

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Il controverso testo della riforma forense mette in difficoltà il traballante Governo Berlusconi. Ma davanti al rischio di un disastro, Alfano non arretra

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL