Il WiFi spaventa la Germania

Qualcuno teme che i cittadini friggano per colpa dell’elettrosmog, ma non è uno qualsiasi, è il governo, che prende una posizione inedita e certo inattesa. Esulta l’Independent: lo avevamo dett


da Punto Informatico

Roma – Fa discutere l’invito di Berlino ai cittadini teutonici, secondo cui sarebbe opportuno evitare di adoperare il WiFi ogni volta che sia possibile farne a meno: esistono rischi concreti per la salute dell’uomo, avvisa il Ministro dell’Ambiente, e in mancanza di prove definitive occorre prudenza nell’impiego della giovane tecnologia wireless.

La questione della pericolosità delle reti WiFi era stata sollevata dall’Independent già ad aprile, ed ora il quotidiano inglese saluta la decisione tedesca come “la peggiore condanna dichiarata da qualsiasi governo sulla tecnologia in crescita esponenziale”. L’iniziativa, prevede il quotidiano, scuoterà l’industria e i ministri inglesi particolarmente favorevoli all’adozione dello standard, sui pericoli insiti in una sua adozione così acritica.

Il Ministero tedesco mette in guardia dai possibili effetti nefasti dell’elettrosmog, la presenza eccessiva nell’aria di onde elettromagnetiche generate da una gran quantità di prodotti di uso comune, dai telefonini cellulari alle coperte elettriche. In risposta alle richieste in parlamento del partito dei Verdi, il governo invita ad esporsi quanto meno possibile alle connessioni wireless, scegliendo, laddove presenti, alternative “cablate” tradizionali: usi il telefonino per chiamare in ufficio? Sbagliato, fermati al bar e chiama da un telefono fisso, ripete il prudente mantra governativo.

La decisione di Berlino segue l’apertura dell’inchiesta della Health Protection Agency (HPA) inglese, tesa a valutare gli effettivi pericoli di un utilizzo esteso del WiFi nelle scuole del Regno. Ma va anche oltre, mettendosi di traverso tra la tecnologia e la sua sempre più larga adozione ad ogni angolo del mondo – pur con le dovute difficoltà che devono affrontare progetti di ampio respiro.

La posizione espressa dal governo del Cancelliere Angela Merkel sembra ad ogni modo improntata più verso un principio di precauzione nei confronti di una tecnologia le cui conseguenze sulla salute sarebbero ancora da accertare, piuttosto che sulla volontà di interrompere del tutto l’evoluzione tecnologica delle interconnessioni wireless.

Alfonso Maruccia

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Il WiFi spaventa la Germania

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL