Intercettazioni: costeranno la metà

Il Ministro della giustizia Mastella, nel razionalizzarne i costi, ottiene risparmi per 100 mln dal noleggio delle apparecchiature e 270 mln per l’approvazione di nuove leggi e la ristrutturazione del casellario giudiziale


La Finanziaria taglia i costi delle intercettazioni: il sistema costerà complessivamente 100 milioni di euro, contro gli attuali 215. I tagli non riguardano, però, le tariffe di ascolto, pagate a tempo agli operatori telefonici, bensì il sistema di gare per il noleggio delle apparecchiature di captazione, che ha visto ogni singola Procura muoversi in autonomia, con differenze di costi rilevanti.
In base ai dati più aggiornati, il Ministero della giustizia spende ogni anno 250 milioni di euro, sia per il noleggio delle apparecchiature (che rappresenta l’80% della voce), che per le prestazioni obbligatorie, cioè la messa a disposizione delle utenze e dei tabulati da parte degli operatori telefonici. A questa razionalizzazione contabile dei costi andrebbe ad aggiungersene anche una metodologica: si prevede, infatti, che le operazioni di captazione avvengano tramite impianti installati e custoditi in appositi centri istituiti presso le procure generali o sedi dei distretti di Corte d’Appello. L’ascolto, invece, avverrà attraverso impianti installati presso le competenti procure. Ciò anche per ridurre i soggetti che abbiano accesso alle registrazioni stesse. Con questi risparmi il ministro avrebbe ottenuto il rifinanziamento delle leggi di cui alla tabella A, di prossima approvazione: 150 milioni nel triennio, oltre allo sblocco di 100 milioni per l’edilizia penitenziaria e 20 per potenziare il casellario giudiziale. Si potrà, così, procedere allo smaltimento dell’arretrato (che pesa per il 30% del totale) grazie all’ausilio dei giudici onorari e di pace senza utilizzare sezioni stralcio. Sarà possibile edificare più o meno 40 nuove carceri e rendere il casellario giudiziale telematico a tutti gli effetti, in modo da dare tempestivamente notizie circa le sentenze di condanna di primo grado ed in tempo reale con gli altri paesi Ue. (Paolo Masneri per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Intercettazioni: costeranno la metà

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL