Intercettazioni. Natale (Fnsi): ricorso a Corte europea se sarà approvato ddl Alfano. Garantiremo sostegno a “disobbedienti”

La Fnsi è pronta a ricorrere alla Corte europea di Strasburgo e ad appoggiare iniziative di disobbedienza civile da parte dei giornalisti se verrà approvato il disegno di legge Alfano.

Lo ha detto il presidente del sindacato, Roberto Natale, a margine dell’incontro sul tema "L’arma impropria del risarcimento civile" che si è svolto a Perugia in occasione del festival del Giornalismo.  "Al Senato, almeno a giudicare dagli emendamenti presentati in Commissione Giustizia, si è riusciti – ha sostenuto Natale – nel non facile compito di peggiorare un testo già bruttissimo come quello uscito dalla Camera. Mercoledì saremo in piazza Navona, a Roma, per chiedere a gran voce la modifica profonda di un testo pericoloso non solo per il lavoro dei giornalisti ma ancora di più per il diritto dei cittadini a essere informati. Faremo di tutto per impedire che questo testo divenga legge". "Sappia chi lo ha proposto – ha affermato ancora il presidente della Fnsi – che c’è una Corte europea alla quale faremo ricorso un attimo dopo l’eventuale trasformazione in legge e lì c’è una giurisprudenza ormai consolidata che difende il diritto di cronaca in maniera nettissima". Natale ha comunque ribadito che "i giornalisti italiani non accetteranno di vedere snaturato il loro diritto-dovere di informare". "Daremo quindi la massima copertura – ha proseguito – a tutti i cronisti che vorranno-dovranno continuare a fare il loro lavoro". Riguardo alla convergenza di opinioni registrata oggi tra Gaetano Pecorella, Pdl, e Roberto Zaccaria, Pd, sul tema della diffamazione a mezzo stampa, il presidente della Fnsi ha detto che il sindacato chiederà di portare questo tema ai prossimi stati generali dell’editoria "visto che c’è una base così largamente condivisa". (ANSA)
 
printfriendly pdf button - Intercettazioni. Natale (Fnsi): ricorso a Corte europea se sarà approvato ddl Alfano. Garantiremo sostegno a "disobbedienti"