Intercettazioni: Ordine, Fnsi e Unione cronisti ascoltati dalla Commissione giustizia della Camera. Le ragioni dei giornalisti

La Commissione Giustizia della Camera ha incontrato i rappresentanti della categoria dei giornalisti nel pomeriggio di mercoledì 30 luglio (dopo soli quattro giorni dalla richiesta)


OdG Mi.it

La delegazioni era composta da Lorenzo Del Boca ed Enzo Iacopino, presidente e segretario dell’Ordine nazionale dei giornalisti, Roberto Natale e Franco Siddi, presidente e segretario generale della Fnsi, Guido Columba, presidente dell’Unci. Nel corso dell’audizione, durata un’ora e mezza, Del Boca ha sostenuto che il disegno di legge presentato dal Governo ha un chiaro intento punitivo nei confronti dei giornalisti e di difesa dei politici e dei potenti; che le notizie non possono essere nascoste per sempre; che il confine temporale per poter dare le notizie è quello della comunicazione di garanzia all’indagato; che sarebbe una legislazione non in linea con l’Europa e con le indicazioni della Corte d’Europa dei diritti; che la verifica del rispetto delle norme deontologiche deve essere accelerata come l’Ordine richiede da tempo nell’ambito della riforma. Natale ha sostenuto che i cronisti sono i portavoce del diritto della comunità a sapere, non rivendicano il diritto da corporazione. La storia del nostro Paese sarebbe diversa, in peggio, se i giornalisti non avessero indagato e scritto su molte vicende e su molti reati. Le manifestazioni di piazza svolte in mezza Italia indicano che i cittadini sostengono la libertà di stampa. Già contro Mastella la categoria ha scioperato perché i richiami alla riservatezza dei potenti sono fuori luogo: il concetto della privacy va usato per altro. La autoregolamentazione è il sistema più incisivo per garantire che la stampa non superi i limiti della correttezza, richiamati anche dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Sanzioni penali o pecuniarie pesanti sono pericolose perché soffocano la libertà di stampa. Lo stesso rischierebbe di accaderecon sanzioni a carico degli editori che potrebbero invitare direttori e giornalisti ad “essere prudenti”. Siddi ha detto che la grandissima maggioranza delle intercettazioni pubblicate lo sono state nel rispetto della legge; che il segreto giudiziario deve avere tempi ben precisi, che il Ddl del Governo ha un taflio coercitivo e censorio per comprimere la funzione della stampa; che i cittadini devono sapere tutti i fatti che accadono, anche quelli scomodi; che le indagini giudiziarie richiedono notizie; che occorre cercare un equilibrio tra una giustizia giusta e una stampa libera. Columba ha sottolineato che nella lùrelazione ai disegni di legge – oltre a quello del Governo, ne hanno presentati il deputato di An Manlio Contento e Lanfranco Tenaglia del Pd con contenuti non solo negativi – la presidente della Commissione, Giulia Bongiorno, affermando che la legge deve tutelare le indagini della magistratura e la riservatezza delle persone, ha trascurato un terzo fondamentale aspetto: ildiritto della collettività a sapere quelloche accade in modo completo, corretto e tempestivo, un diritto tutelato dalla Costituzione. Il presidente dell’Unci ha poi elencato i punti peggiori del disegno di legge del Governo che annullerebbero la libertà di informazione e il diritto-dovere di cronaca; il divieto assoluto di pubblicare atti dell’indagine preliminare anche nel riassunto o nel contenuto anche quando non esista più il segreto; il segreto apposto non solo agli atti di indagine ma anche alle attività di magistrati e polizia giudiziaria; l’impossibilità di pubblicare il contenuto di intercettazioni legittimamente realizzate; la possibilità di dare notizie solo dopo l’udienza preliminare, cioè ad anni di distanza dagli avvenimenti; l’obbligo di pubblicare smentite senza commento anche quando contengano palesi falsità o calunie e diffamazioni. Sono quindi intervenuti i deputati Palomba, Mantini, Contento, Tenaglia, Saperi, Rao, Zaccaria, Capanno, Rossomando, Ferranti e la stessa presidente Bongiorno che hanno posto varie domande ed espresso opinioni. Infine il presidente Giulia Bongiorno, alla quale è andato il ringraziamento di tutta la delegazione per l’audizione, ha annunciato la continuazione delle consultazioni e ha preso atto, riservandosi un ulteriore incontro più specifico, che Fnsi e Ordine presentino, alla ripresa dei lavori parlamentari, proposte articolare in vista del dibattito sugli articoli del disegno di legge e delle due proposte di legge presentate da Tenaglia (Pd) e Contento (Pdl). Al delicato problema delle intercettazioni e all’emergenza informazione è dedicato gran parte dell’ultimo numero di New Tabloid, il giornale dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia.

Milano 5 agosto 2008

printfriendly pdf button - Intercettazioni: Ordine, Fnsi e Unione cronisti ascoltati dalla Commissione giustizia della Camera. Le ragioni dei giornalisti