Intercettazioni. Salvi: “Cambieremo il ddl Mastella. Meno limiti per la stampa”

Il testo del disegno di legge Mastella sulle intercettazioni telefoniche, approvato dalla Camera con un’ampia convergenza bipartisan, sarà modificato in commissione Giustizia al Senato in senso meno restrittivo per la libertà di stampa


da Franco Abruzzo.it

Lo ha assicurato Cesare Salvi, presidente della commissione, intervenuto oggi a un’iniziativa dell’Unione nazionale cronisti italiani, ricordando che “finora è stato esaminato un terzo del provvedimento: la commissione oggi pomeriggio riprende l’esame e può concludere i lavori in un paio di settimane”. “Stiamo già modificando il testo del ddl, che quindi non sarà quello approvato a Montecitorio”, ha spiegato Salvi. “Non ci convince e non ci soddisfa l’equilibrio trovato dalla Camera fra i tre aspetti essenziali, e cioé la tutela della riservatezza della persona, la tutela dell’azione penale e la libertà di stampa: ci sembra infatti che il ddl sia squilibrato ai danni di questo terzo aspetto”. Per Salvi – che ha citato ampi stralci della recente sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo a favore di due giornalisti francesi, condannati per aver pubblicato intercettazioni secretate su un collaboratore dell’ex presidente Mitterrand – i limiti posti alla pubblicazione delle intercettazioni devono rispondere all’ordine generale: “Si devono cioé applicare gli stessi criteri che regolano la pubblicazione di qualsiasi altra notizia, e quindi il rispetto della privacy, la tutela della persona rispetto alla diffamazione e alla divulgazione di fatti non veritieri”. Finora la commissione Giustizia, ha ricordato Salvi, rispetto al testo della Camera “ha già ridotto i limiti entro i quali gli atti non sono considerati più coperti da segreto. Credo che anche la parte relativa alle sanzioni per i giornalisti vada modificata: va bene il segreto investigativo, ma la responsabilità della violazione non può essere a carico del giornalista, ma di chi ha fatto uscire la notizia”. Più che mai se si tratta di informazioni di interesse pubblico: “Il caso delle intercettazioni Berlusconi-Saccà? La notizia c’é e va pubblicata. Poi si può giudicare se c’é reato o meno”. I rilievi di Salvi sono stati accolti con soddisfazione dai vertici dell’Unci (rappresentata dal presidente Guido Columba), ma anche della Fnsi (presenti il segretario Franco Siddi e il presidente Roberto Natale) e dell’Usigrai (il segretario Carlo Verna) e dell’Ordine dei giornalisti (il presidente Lorenzo Del Boca), tutti contrari a un provvedimento considerato “un attentato alla libertà di stampa e al diritto-dovere di cronaca”. (ANSA).

INTERCETTAZIONI: MARINI, PREOCCUPAZIONE PER FUGA NOTIZIE DOPO QUANTO PUBBLICATO DA UN QUOTIDIANO SU TELEFONATA COSSIGA

Roma, 15 gennaio 2008. Il presidente del Senato, Franco Marini, ha espresso la sua “viva preoccupazione per l’inammissibile fuga di notizie coperte dal segreto delle indagini preliminari”, in relazione all’articolo apparso su un quotidiano che riporta notizie relative a una conversazione telefonica del senatore Francesco Cossiga, che sarebbe stata intercettata nell’ambito di indagini giudiziarie. Il presidente del Senato – spiega una nota dell’ufficio stampa – nel ritenere “inaccettabile lo stillicidio di notizie che giungono così alla stampa in maniera incontrollabile e in violazione delle norme vigenti, ricorda che un eventuale uso processuale delle intercettazioni dovrà avvenire nel più rigoroso rispetto delle prerogative costituzionali assicurate ai parlamentari”. La nota ricorda infine che la Commissione Giustizia di Palazzo Madama, sta esaurendo la trattazione del ddl, già approvato dalla Camera, in tema di intercettazioni, che sarà posto nei tempi più brevi all’esame dell’aula per dare alla materia “gli indispensabili elementi di chiarezza e certezza istituzionale”.(ANSA).

Send Mail 2a1 - Intercettazioni. Salvi: “Cambieremo il ddl Mastella. Meno limiti per la stampa”

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL