Internet e privacy: essere intercettati non è obbligatorio. Caso mai è vietato

Qualcuno lo spieghi alle grandi aziende italiane e al Governo. Essere intercettati non è un’opportunità. Non esserlo è un diritto, che può essere limitato solo da esigenze – motivate e tassative – dall’Autorità giudiziaria.

In una società che si basa sempre di più sulle tecnologie di telecomunicazione è impensabile ammettere che i nostri dati personali possano essere a disposizione delle società che, gioco forza, ne entrano in possesso. In Italia invece è accaduto. L’Autorità Garante per la Privacy ha infatti fatto sapere che tra il 2001 e il 2008 i tre maggiori operatori telefonici del Paese, Telecom Italia, Vodafone e H3G, hanno registrato tutto il traffico mobile di questi anni e  i dati internet passati attraverso i nostri cellulari sono stati sostanzialmente archiviati. E quando scriviamo tutto, intendiamo proprio tutto. Pagine web visitate, password personali, email, documenti spediti. L’intera attività online di una nazione è stata memorizzata. Ora, non possiamo credere che poi i tecnici di queste tre società siano andati realmente a spulciare quelli che sono i nostri vizi e le nostre virtù; ma, astrattamente, nulla glielo avrebbe impedito. I dati potrebbero essere stati analizzati in forma aggregata e resi disponibili ad alcune società che si occupano di ricerche di mercato, ma a nessuno sarebbe stato dato l’ordine sistematico di scandagliare i comportamenti personali di singoli individui. Ma quei dati erano lì, potenzialmente a disposizione. E se qualcuno in malafede avesse voluto approfittarne, avrebbe potuto farlo. Anche solo se fosse stato un dipendente di un operatore che avvese voluto dare una mano ad un amico “controllando” le e-mail della moglie. E perché questi dati erano “a disposizione”? Perché queste società si sono sentite in dovere di archiviare tutto? Forse lo scopriremo presto. Oppure non lo sapremo mai. (Davide Agazzi per NL)
printfriendly pdf button - Internet e privacy: essere intercettati non è obbligatorio. Caso mai è vietato