Intimidazioni al giornalista del Tg3 Santo Della Volpe: sull’auto scritte neofasciste

Fnsi: “C’è un clima di aggressività crescente nei confronti del mondo dell’informazione”. Unci: “Intervenga il ministro Maroni”


(FNSI.it) Il giornalista del Tg3 Santo Della Volpe ha denunciato di aver trovato sotto casa la sua auto imbrattata di vernice con scritte ingiuriose, con croci celtiche e con la firma di un noto gruppo neofascista.

E’ lo stesso Della Volpe, dirigente dell’associazione Articolo21 e vicepresidente di Libera Informazione, a scriverlo in un editoriale sul sito www.articolo21.info.
”Succede che arrivi stanco da un viaggio in giro per il mondo ed il mattino cerchi l’automobile. E scopri una bella croce celtica con in alto a sinistra la lettera T e in basso a destra la lettera S. Si gela il sangue: hanno anche lasciato la firma, sono quelli del gruppo fascista Trieste-Salario… Io non sfido nessuno, ma nessuno creda di far cambiare di una virgola il mio lavoro. Non e’ bello sentirsi nel mirino, anche se da parte di una banda di stupidi vigliacchi”.
Della Volpe il mattino dopo l’accaduto ha chiamato il 113 e poi ha cancellato le scritte ”con rabbia, con furore, a costo di togliere anche la vernice dell’auto. Ed aspetto di capire chi e perche’ ha preso di mira la mia persona, il mio lavoro da giornalista. Forse avevano bisogno di aprire una campagna intimidatoria contro la stampa ed i giornalisti”. (ANSA)

***

Con ”l”intimidazione neofascista contro il giornalista del Tg3 Santo Della Volpe si chiude – dice la Federazione nazionale della stampa in una nota – la settimana che e’ cominciata con
l’incursione squadristica nei locali Rai e le telefonate di minacce alla redazione di Chi l’ha visto?, e che e’ proseguita con lo striscione di avvertimento di Forza Nuova al direttore di Repubblica, Ezio Mauro. Tre episodi che fanno ben piu’ di una prova: la prova di un clima – questo si’ ansiogeno – nel quale si respira una aggressivita’ crescente nei confronti dell’informazione, da parte di gruppi di violenti che evidentemente percepiscono di poter agire senza troppi rischi in modo sempre piu’ scoperto”.
La Fnsi chiede ”non solo che le istituzioni deputate a garantire la sicurezza dei cittadini (giornalisti inclusi) facciano per intero tutto cio’ che e’ necessario. Serve anche che tutte le parti politiche facciano intendere chiaramente la loro piu’ netta riprovazione verso questi atti, uscendo dal silenzio o dalla distrazione”. (ANSA)

***

Il presidente dell’Unci Guido Columba, in merito alla intimidazione neofascista al giornalista Santo Dalla Volpe (Tg3), ha chiesto al ministro dell’interno Roberto Maroni e al capo della polizia prefetto Antonio Manganelli – che incontrando i vertici di Fnsi e Unci lo scorso 30 ottobre a Caserta hanno garantito la massima attenzione a tutela della incolumita’ e liberta’ di lavoro dei giornalisti – ”di intervenire subito per porre fine a questa attivita’ neo fascista, individuando i colpevoli e consentendo cosi’ alla magistratura di punirli”.
”Non si devono sottovalutare segnali cosi’ gravi – dice Columba – l’attivita’ degli estremisti potrebbe, se non bloccata sul nascere, diventare una pericolosa deriva. Un nuovo episodio di intimidazione e’ stato compiuto da neo fascisti a Roma contro giornalisti della Rai. Questa volta e’ toccato a Santo Della Volpe, inviato del Tg3, come nei giorni scorsi si e’ verificato l’assalto alla sede della Rai di via Teulada contro la redazione di ”Chi l’ha visto”.(ANSA)

***

BUTTURINI (ASS. STAMPA ROMANA): “ISOLARE SQUADRISMO, SERVE MOBILITAZIONE. FNSI VIGILI, PROPORRO’ INIZIATIVA CONTRO INTIMIDAZIONI”

Il segretario dell’Associazione Stampa Romana Paolo Butturini si chiede se “se quello che sta succedendo a Roma non sia il frutto di una regia occulta che ha come bersaglio la libera informazione e la democrazia. Un`altra intimidazione di chiara marca neofascista,
dopo le telefonate minatorie a Federica Sciarelli, l`assalto alla redazione di Chi l`ha visto e le minacce al direttore de La Repubblica Ezio Mauro, ha colpito ieri notte il collega del TG3 Santo della Volpe”.
“Non sono i fantasmi di un passato che non può tornare a preoccuparci, ma un presente che si connota sempre di più col segno dell`intolleranza, del razzismo e dell`insofferenza per chi esprime un punto di vista non allineato a quello antidemocratico della violenza e dello squadrismo – ribadisce il segretario della Asr- La solidarietà, che pur esprimo convinta a Santo Della Volpe anche a nome di Stampa Romana, non è più sufficiente. Non bastano più nemmeno le parole, anche le più sincere. Bisogna isolare lo squadrismo,
denunciare con forza gli episodi a chi deve tutelare la sicurezza dei cittadini di qualsiasi credo politico o religioso. Chiedere che da tutte le istituzioni: quelle locali e quelle nazionali, arrivi una chiara condanna e un segnale di attenzione a questi fenomeni che non possono in alcun modo essere tollerati e tanto meno giustificati”.
“La Fnsi deve vigilare e Stampa Romana sarà al suo fianco: proporrò – annuncia il segretario dell’Asr – al presidente Roberto Natale e al segretario Franco Siddi una giornata di mobilitazione contro tutte le intimidazioni e gli atti di intolleranza che stanno colpendo colleghe e colleghi e che vogliono mettere in discussione la convivenza democratica nata dalla Resistenza alla quale molti giornalisti hanno dato il loro contributo anche di vite umane”. (Apcom)

printfriendly pdf button - Intimidazioni al giornalista del Tg3 Santo Della Volpe: sull'auto scritte neofasciste
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Intimidazioni al giornalista del Tg3 Santo Della Volpe: sull'auto scritte neofasciste

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL