iPhone 3G: finalmente in vendita

Pregi e difetti del telefonino di Apple


Ho cambiato la telefonia mobile per sempre”. Queste le parole di Steve Jobs che introdussero il lancio di iPhone. Un mobile phone tutto schermo, tecnologia e design che, nel nostro paese sarà in vendita a partire da domani. Il telefono è touch screen e ad usarlo ci si diverte sul serio! Iniziamo analizzando la rubrica: per ogni persona inserita si possono aggiungere nome, foto, naturalmente il numero, una suoneria personalizzata, altri numeri di telefono e dati particolari come il compleanno. Gli sms hanno un invio pratico e veloce e la particolarità è che il telefono ricorda e conserva la cronologia dei messaggi. La pecca è che manca la funzione “inoltra” e non si possono inviare mms (e per gli italiani, amanti di questa tecnologia non sarà facile accettare questo “difetto”…). Uno dei numerosi pregi del telefono 3G della mela è che la navigazione in internet è veloce (sia con Tim che con Vodafone) ed è la connessione 3G a fare la differenza. Nel nostro paese il wi-fi non è ancora così diffuso, soprattutto gratuitamente, e poter navigare senza attese snervanti è una piacevole novità. La lettura è resa ottimale dallo schermo ampio e, con un semplice movimento delle dita, è possibile ingrandire o ridurre i testi. Ogni sito è facilmente accessibile, anche i più pesanti, si possono con facilità scaricare video, brani, consultare il meteo o vedere mappe e, grazie al Gps, digitando la funzione mappe, sul telefono appare un puntino blu che localizza la posizione di chi lo sta utilizzando e funziona come un vero e proprio navigatore, spostandosi con l’avanzare dell’auto o dei passi. Il Gps è in grado anche di localizzare ristoranti, cinema, locali e, con un tocco si apre una finestra con le indicazioni per raggiungere il posto. Non poteva mancare l’ iPod per ascoltare la musica (anche senza auricolari). Le novità includono anche la push-technology che permette di ricevere e-mail sul display dando anche la possibilità di sincronizzare l’iPhone con il proprio computer, di modo che i database siano sempre allineati. Per il momento non è invece possibile provare AppStore, la sezione dedicata al download di nuove applicazioni (dai videogame ai convertitori di valuta), dato che in Italia non è ancora funzionante. La nota dolente, naturalmente, riguarda i costi; come già anticipato qualche giorno fa, sono sorte numerose polemiche per le tariffe applicate il Italia da Tim e Vodafone e tra gli internauti è ancora abitudine acquistare questo prodotto all’estero e “crackarne” il sistema con il fine di poterlo utilizzare con qualunque operatore e utilizzare tariffe più vantaggiose. I piani tariffari vanno da 30 a 200 euro mensili, a seconda del tipo di utilizzo e, di conseguenza, di abbonamento. Il popolo di internet è insorto anche perché le compagnie telefoniche non offrono una vera tariffa flat per la navigazione e questo è visto da molti come un controsenso: se iPhone è pensato anche per l’utilizzo del web perché non immettere sul mercato tariffe per la navigazione illimitata? L’iPhone di Steve Jobs convince per la tecnologia, il design, le applicazioni internet, i giochi, le opzioni audio e video e realmente permette di non portare con sé troppi oggetti che al giorno d’oggi riteniamo “indispensabili”, bisogna solo attendere che le tariffe vengano ripensate in modo da permetterne il reale e completo utilizzo. Insomma, non siamo proprio così sicuri che il mondo della telefonia sia cambiato per sempre. (Silvia Bianchi per NL)

printfriendly pdf button - iPhone 3G: finalmente in vendita