Jackpot Superenalotto: Codacons denuncia i TG Rai, Mediaset e La 7 per pubblicità pericolosa e informazione carente e dannosa

Il Codacons segnala, "come la folle corsa del jackpot del Superenalotto, in quest’estate di crisi economica, sia particolarmente pericolosa per le famiglie italiane".

Dopo aver chiesto al Ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, "di intervenire e bloccare il montepremi, senza essere stato ascoltato il Codacons ha denunciato all’Autorità delle Telecomunicazioni il comportamento delle redazioni giornalistiche Rai, Mediaset e La7 che non fanno altro che ripetere l’ammontare del montepremi e raccontare storie di chi "ce l’ha fatta’, senza ricordare le scarsissime possibilità statistiche di azzeccare la sestina e soprattutto senza spiegare le insidie del gioco, come segnalato dalle pagine del quotidiano l’Avvenire". Inoltre, il Codacons segnala, "che a causa della febbre del gioco, che ormai sembra aver contagiato tutto lo stivale, inaspettatamente anche alcuni sociologici sembrano dare i numeri sottovalutando i rischi compulsivi del gioco. Il dott. Sforza, infatti, ha dichiarato che il pericoloso aumento delle giocate, e dei giocatori (che ammonta al 25%), non sarebbe preoccupante dato il basso costo di molte schedine del Superenalotto (giocata minima 1 euro)". Al riguardo, la dott.ssa Florinda Maione, responsabile della S.I.I.Pa.C (Società Italiana Intervento Patologie Compulsive), ha dichiarato: "Per evitare, allora, che il sogno di vincita possa degenerare in ossessione, l’attenzione deve rimanere alta soprattutto sui cosiddetti giocatori occasionali che dovrebbero essere correttamente informati dai vari mezzi di comunicazione sulle reali probabilità di vittoria (una su sessantatre milioni) e messi nella condizione di operare una scelta di gioco e di aspettativa di vincita consapevole. A fronte di piccole scommesse, la possibilità di grandi o comunque possibili vincite è da sempre allettante; se aggiungiamo strategie comunicative di marketing, come quelle a cui stiamo assistendo in questi giorni, studiate per far leva solo sul premio finale, diminuisce notevolmente la possibilità che il consumatore rinunci a ripetere la scommessa! Diversamente un giocatore ben informato sulle reali possibilità di vittoria e di sconfitta è meno disposto a rischiare somme di denaro: la piena consapevolezza di quello che si sta facendo è il miglior antidoto contro ogni forma di eccesso". Mentre Carlo Rienzi, presidente Codacons, ha commentato: "I mezzi d’informazione devono farsi carico della responsabilità di fornire al pubblico le giuste informazioni su un tema così delicato". Aggiungendo: "Stiamo studiando possibili class action in difesa di chi è ormai affetto da gioco compulsivo". Ed ha concluso: "Ci auguriamo che il Ministro Tremonti, che non è ancora intervenuto, ascolti almeno la Chiesa".
printfriendly pdf button - Jackpot Superenalotto: Codacons denuncia i TG Rai, Mediaset e La 7 per pubblicità pericolosa e informazione carente e dannosa
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Jackpot Superenalotto: Codacons denuncia i TG Rai, Mediaset e La 7 per pubblicità pericolosa e informazione carente e dannosa

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL