La Commissione europea chiede alla Cina di rinunciare alla censura in Internet

La Commissione Europea esorta la Cina a rinunciare alla censura in Internet. L’introduzione di filtri per siti a contenuto pornografico mira chiaramente a "censurare Internet e a limitare le liberta’ d’opinione", critica Bruxelles. Dal primo luglio saranno imposti dei programmi filtro sui computer in vendita, e le autorita’ giustificano la misura con l’intento di salvaguardare i minori. Ma oltre alle diffuse critiche per la riduzione della liberta’ d’espressione, e’ dubbia la sicurezza del programma Green Dam – Youth Escort . "Bloccare o filtrare determinati contenuti in Internet e’ assolutamente inaccettabile secondo l’Ue", ha spiegato la commissaria alle comunicazioni, Viviane Reding. Pechino dovrebbe sospendere l’adozione del filtro e spiegare i suoi piani all’Unione Europea. I media cinesi riferiscono che il filtro bloccherebbe anche le pagine scientifiche sulla sessualita’. (ADUC)
 
 
 
printfriendly pdf button - La Commissione europea chiede alla Cina di rinunciare alla censura in Internet
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - La Commissione europea chiede alla Cina di rinunciare alla censura in Internet

Lifegate, Roveda: siamo l’opposto di una radio commerciale. Ma non siamo comunitari

IN ARRIVO