La decisione dell’Antitrust sui diritti televisivi delle partite di serie A e B non soddisfa i consumatori

"L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato – dichiara Paolo Landi, Segretario Generale Adiconsum – ha chiuso troppo rapidamente l’istruttoria aperta nei confronti della Lega Calcio per la commercializzazione dei diritti televisivi delle partite di serie A e B, accontentandosi di accettare gli “impegni” presentati dalla Lega".

"Adiconsum, che è intervenuta nel procedimento al fine di garantire una maggiore concorrenza sulla piattaforma satellitare (che offrirebbe più scelta e di conseguenza una riduzione dei prezzi), mettendo fine al monopolio di fatto praticato da SKY, non è affatto soddisfatta della decisione presa, che non aggiunge nulla in termini di ampliamento dell’offerta di trasmissioni televisive sul satellite", chiosa Landi. "La decisione dell’Antitrust – continua Pietro Giordano, Segretario Nazionale Adiconsum – che permetterà alle pay tv di acquistare per la Serie A anche le sintesi della durata massima di 10 minuti per ciascun tempo di tutti gli eventi del Campionato, trasmissibili subito dopo la fine degli incontri, non modificherà il mercato, perché riteniamo che non esistano consumatori disposti a pagare per vedere una sintesi. Per la serie B, che fatica a trovare un mercato di consumatori interessato e che di conseguenza interessa meno a SKY, la Lega Calcio, invece, offre maggiori aperture mettendo in vendita alle pay tv ben tre pacchetti autonomi, dividendo le dirette delle partite e permettendo la vendita dei soli anticipi e posticipi. Non riusciamo a comprendere l’atteggiamento dell’Antitrust di accettare “impegni” che non superano le contestazioni mosse dalla stessa Autorità alla Lega Calcio con l’apertura del procedimento, nonché la pratica dei “due pesi e due misure” adottata in relazione alla assegnazione dei diritti televisivi per la serie A e per la Serie B". Secondo Adiconsum, la decisione dell’Antitrust in merito è tutta apparenza: le modalità di messa in vendita dei diritti televisivi di fatto non cambiano nulla, continuando ad impedire la comparsa sul satellite di nuovi operatori che facciano concorrenza a SKY. Gli utenti televisivi del calcio dovranno, quindi, continuare a pagare gli abbonamenti all’unico prezzo imposto dal monopolista o a cambiare piattaforma trasmissiva.

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - La decisione dell’Antitrust sui diritti televisivi delle partite di serie A e B non soddisfa i consumatori

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL