La vittoria degli sconfitti

Netflix è un fallimento che ha deluso le aspettative degli investitori e non ha avuto impatto sul mercato europeo o, almeno, così dicono in giro.

Strano, a guardare i numeri, Netflix contava, a fine secondo trimestre, 83 milioni di abbonati in tutti i paesi del mondo, che fruiscono di contenuti disponibili in tutte le lingue; Hulu, sua diretta concorrente, si aggira intorno ai 12 milioni, Sky a fine 2015 era ferma sui 4 e mezzo. Poi ci sono le entrate: sempre nel solo secondo trimestre, la compagnia di Hastings ha festeggiato 2 miliardi di dollari di fatturato, crescendo di un terzo rispetto all’anno precedente; di questi, 40,76 mln (quasi raddoppiato rispetto al 2015) di dollari sono diventati utili, il resto invece è investimento in nuovi prodotti (di qualità e successo, come Narcos o Stranger Things) ma anche di nuove tecnologie, il tutto perché i produttori di contenuti hanno ormai da tempo dichiarato senza troppi problemi di voler tutelare i broadcaster classici. Per finire, dati recenti mostrano che in media gli utenti del servizio SVOD guardano in media contenuti per 117 minuti al giorno, contro i 60 circa sulle altre piattaforme concorrenti. Quindi perché sono tutti galvanizzati nell’annunciare il fallimento californiano? Perché, sempre nello stesso periodo, Netflix ha avuto “solo” 1,68 mln di nuovi utenti, mentre le aspettative erano per 2,46 un dato che, più che di fallimento, sa di assestamento. Dopotutto, se Netflix non avesse cambiato nulla, ci sarebbe da interrogarsi sul perché il mondo del broadcasting sembra aver scoperto le magie di internet solo di recente. Sarà più sconfitto chi assesta la sua crescita senza precedenti o chi si adegua al suo modello di business?

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - La vittoria degli sconfitti

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL