Le dichiarazioni programmatiche del governo Berlusconi

Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ha presentato in Parlamento il 13 maggio 2008 le dichiarazioni programmatiche per ottenere la fiducia


I punti salienti del suo intervento riguardano: 1) Il voto espresso dagli Italiani. 2) La stabilità e l’impegno nell’azione di governo. 3) Un dialogo trasparente con l’opposizione. 4) Il tempo della crescita – Il Paese ha tutte le potenzialità per rimettersi rapidamente in corsa e tagliare il traguardo decisivo di un nuovo tempo della Repubblica: il tempo della crescita. Per quanto riguarda la crescita occorre: – sfruttare la posizione di relativo vantaggio del nostro sistema bancario e chiedere agli istituti di credito uno sforzo aperto alla giovane impresa, alle giovani famiglie, al popolo dei consumatori e dei risparmiatori; – fare una politica estera e di cooperazione allo sviluppo; – impedire forme sleali di concorrenza che ledano gli interessi dei lavoratori italiani e della classe media; – tenere i conti in ordine, ridurre il peso del debito pubblico in proporzione al fatturato del Paese, accrescere la capacità di contrastare l’evasione fiscale; – contrastare il calo di competitività del sistema economico; – colpire i corporativismi e le chiusure difensive; – infine, risolvere positivamente la crisi dell’Alitalia, facendo appello al contributo decisivo della finanza e dell’impresa italiane.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Le dichiarazioni programmatiche del governo Berlusconi

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL