Micropagamenti online. Paypal raggiunge un accordo con Facebook

Mentre noi (gli utenti) ci preoccupiamo (quasi esclusivamente) di quante cose nuove possiamo fare grazie a questo o quell’altro sito web, loro (le aziende) pensano anche a come far fruttare ogni nuova opportunità del caso.

Le cose migliori però si creano quando gli interessi di utenti e aziende riescono ad essere, in qualche modo, allineati. Non succede spesso, ma quando accade risulta più che interessante e indubbiamente redditizio. Ne è la prova un accordo che è stato recentemente raggiunto tra Facebook e Paypal, che permetterà a tutti noi (gli utenti) di godere dei vantaggi di uno dei sistemi di pagamento più sicuri e diffusi al mondo, tramite quello che sicuramente è il social network più popolare del pianeta. Facebook fino adesso aveva affrontato il problema “micropagamenti” inventandosi un complicato sistema di crediti virtuali, la cui diffusione, per la verità, non è mai andata oltre qualche applicazione. Facebook stava in realtà studiando un proprio sistema di pagamenti decisamente più evoluto, ma l’accordo in questione ha chiuso la partita, riconoscendo a Paypal lo status di sistema di riferimento. Un grosso colpo per il Paypal, che vedrà così aumentare esponenzialmente il proprio numero di transazioni. Le possibili applicazioni sono tantissime: pensate, per esempio, ad un gruppo di amici che si organizza per fare un regalo di compleanno. Per sostituire un complicato giro di chiamate e collette, basterà una mail tramite Facebook e un paio di clic tramite Paypal, con un meccanismo che avrà già provveduto a calcolare e addebitare il costo pro-capite dell’operazione. E si tratta solo della punta di un iceberg, le cui potenzialità potrebbero essere effettivamente infinite. Rimane solo da capire se i manager di Facebook riusciranno a coglierle tutte, trasformando una serie di utili servizi in fonti di ricavo per la propria azienda. (Davide Agazzi per NL)
 

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Micropagamenti online. Paypal raggiunge un accordo con Facebook

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL