Motori di ricerca e pubblicita’: vietato usare come parola chiave il nome dell’azienda concorrente

newsline logo - Motori di ricerca e pubblicita': vietato usare come parola chiave il nome dell'azienda concorrente
(ADUC) – Non e’ lecito inserire tra le parole chiave dei siti sponsorizzati il nome di aziende concorrenti. E’ quanto ha deciso il Tribunale di Milano con la sentenza 3280 depositata l’11 marzo 2009. La sentenza ha un particolare rilievo rispetto all’attivita’ di marketing dei motori di ricerca (Google in primis). Il navigatore inserisce spesso come parola chiave di ricerca il nome di un’azienda, poniamo Fiat. Nella pagina dei risultati appare il sito dell’azienda cercata, ma se l’azienda concorrente (poniamo Ford) avesse acquistato dal motore di ricerca anche la parola chiave "fiat", il link di Ford apparirebbe tra i risultati a pagamento e cio’ potrebbe dirottare  il consumatore, traendolo in inganno. Tale pratica fu denunciata dall’Aduc: www.aduc.it/dyn/comunicati/comu_mostra.php?id=165534

 
printfriendly pdf button - Motori di ricerca e pubblicita': vietato usare come parola chiave il nome dell'azienda concorrente
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Motori di ricerca e pubblicita': vietato usare come parola chiave il nome dell'azienda concorrente

IN ARRIVO

USA. Crolla trading di stazioni radio AM/FM