NEWSLINET.IT: Newsletter n. 619 del 24/08/2011

newsletter newsline logo - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 619 del 24/08/2011 newsletter title - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 619 del 24/08/2011 newsletter topright - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 619 del 24/08/2011
Mentre i sondaggi registrano un PDL in caduta libera nelle preferenze politiche degli italiani (22-25%), s’infiamma la polemica sull’assegnazione gratuita dei 6 multiplexer nazionali del dividendo interno (cd. beauty contest).
 
L’ERT, emittente radiotelevisiva pubblica greca, annuncia di voler drasticamente ristrutturare i propri asset radiofonici in onde medie. La BBC smantella storiche installazioni e si avvia verso la completa dismissione degli impianti sulle onde corte.
 
Come previsto, l’appello del CNT di Costantino Federico per riunire le rappresentanze delle emittenti locali in vista della camera di consiglio del 30/08/2011, allorquando il Consiglio di Stato discuterà l’istanza cautelare proposta da Agcom nel ricorso contro la sentenza del TAR Lazio che ha annullato la delibera 366/10/CONS, è caduto nel vuoto.
Il Ministero dello Sviluppo Economico – Comunicazioni ha pubblicato i bandi per l’attribuzione della numerazione automatica dei canali per la televisione digitale terrestre, relativamente alle regioni Toscana ed Umbria, aree tecniche da digitalizzare nel corso dell’anno 2011.
Il Ministero dello Sviluppo Economico – Comunicazioni ha adottato i bandi per l’assegnazione delle frequenze DTT alle emittenti televisive locali delle regioni Toscana e Umbria, aree tecniche da digitalizzare nel 2011, ai sensi dell’art. 4, del D.L. 34/2011, convertito con modificazioni, dalla L. 75/2011.
 

Google lancia anche in Italia Panda, il nuovo algoritmo dotato di nuove regole per il posizionamento dei siti nei risultati di ricerca di Google Italia: dal 12 agosto 2011 la visibilità all’interno del motore di ricerca è misurata attraverso la qualità.
  newsletter bottomright - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 619 del 24/08/2011
Si fa sempre più forte il coro di coloro che invocano un’asta per l’assegnazione delle frequenze del dividendo interno, che potrebbero valere tra 1,6 e 6 mld di euro.
"Due fatti hanno ucciso l’emittenza locale: avere istituito due blocchi (LCN) per le locali, dove troviamo "i primi della classe" (dal 10 al 19) e gli ultimi dall’80 al 99; avere stilato la classifica solo basandosi sui dati "politici" Corecom", inidonei a rappresentare le abitudini dei telespettatori".
Mentre i giornalisti stranieri sventolando teli bianchi con la scritta ‘tv’ trovavano riparo nei sotterranei dell’Hotel Rixos, in centro Tripoli, con gli elmetti in testa e addosso i giubbotti antiproiettile, una presentatrice della tv di Stato libica andava in studio in diretta tenendo in mano una pistola e minacciando i ribelli di non provare ad avvicinarsi all’edificio della tv di Stato.
La questione del passaggio dall’analogico al digitale desta sempre piu’ preoccupazioni, ma ad essere maggiormente in difficolta’ sono quei territori non metropolitani, marginali e montani che potrebbero in un primo periodo essere costretti a tenere spenta la tv.
"Siamo stati tra i primi a proporre la privatizzazione della Rai, dall’asta di due reti verrebbero nelle casse dello Stato risorse cospicue".
"Le sei nuove frequenze televisive nazionali scovate dall’Autorità per le Comunicazioni sono un vero tesoretto che sarebbe criminale sprecare o meglio regalare come è in procinto di fare il governo".
"Tra due giorni la manovra arrivera’ al Senato e si vedra’ li’, in Parlamento, se il governo e’ davvero disposto ad accogliere i suggerimenti dell’opposizione e a modificarla rendendola meno iniqua e piu’ efficace".
La legge di conversione del c.d. Decreto Sviluppo ha introdotto definitivamente, posticipandone l’entrata in vigore al 1° ottobre  prossimo, un particolare regime di sospensiva giudiziale ed amministrativa dell’avviso di accertamento notificato dall’Agenzia delle Entrate.
Dall’ottimo blog Memorie Televisive (non sconosciuto ai lettori di questo periodico) preleviamo gran parte del materiale per questa puntata della nostra rubrica, dedicata ad una delle più note tv locali piemontesi della prima ora (che ebbe una certa risonanza anche nel pavese e nel milanese).
Tagli su tutto e per tutti. Quarantacinque miliardi di euro in due anni: è questo il risultato del lavoro certosino del ministro Tremonti che, lima qua e sfronda là, per riassestare i conti di un paese sull’orlo della bancarotta e consegnarlo all’agognato traguardo di pareggio del bilancio, svuoterà le tasche delle famiglie italiane.
”Le disposizioni in materia di professioni introdotte con la manovra bis recepiscono in ritardo, e con qualche ritrosia e contraddizione di troppo, i principi del sistema professionale duale, basato su poche professioni ordinistiche e sul principio generale della liberta’ dell’esercizio dell’attivita’ professionale, sul quale da anni noi insistiamo”.
Finché ha funzionato, cioè fino all’estate 2010, abbiamo tratto diversi spunti dai suoi intelligenti e pungenti post. Poi il blog è entrato in stallo e la decisione assunta ieri di cessare definitivamente le pubblicazioni crediamo non abbia colto alla sprovvista nessuno.
La recente acquisizione di Motorola Mobility da parte di Google, oltre a rappresentare una colossale operazione di mercato (12,5 miliardi di dollari) segna un ulteriore passo nell’evoluzione dell’economia della rete.
printfriendly pdf button - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 619 del 24/08/2011