Ordine dei giornalisti della Lombardia: Franco Abruzzo saluta tutti i colleghi

Lascia questa sera la presidenza dell’OgL dopo 18 anni


Milano, 7 giugno 2007. Questa sera, Franco Abruzzo (foto), dopo 18 anni, lascia la presidenza dell’Ordine dei Giornalisti della Lombardia di cui è consigliere dal 1986. Continuerà a servire l’ente e i giornalisti lombardi, Dio volente, ancora per tre anni come consigliere d’opposizione, l’unico. Ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Mi trovo in una posizione duplice: lascio la presidenza, dopo le elezioni di maggio, ma continuerò a far parte del Consiglio. Il mio primo pensiero va ai colleghi, a tutti i colleghi, amici e avversari, con uguale intensità. Mi hanno consentito, con il consenso elettorale e il dissenso legittimo, di maturare una esperienza unica sotto il profilo professionale, umano e sociale. Ho studiato in maniera appassionata, e continuerò a farlo, i problemi della categoria, dando un contributo, che, penso, resterà vivo. Parimenti il mio pensiero va ai colleghi, che, con me, primo Brunello Tanzi (vicepresidente dell’Ogl dal 1965 al 2004), hanno condiviso lavoro e valori, battaglie e delusioni. Il mio pensiero, non ultimo, va ai nostri impiegati e collaboratori, che hanno lavorato in questi lunghi anni con dedizione e impegno.
Come presidente dell’Ordine, ho avviato una intransigente battaglia a favore del rinnovamento della professione giornalistica e per il suo ancoraggio ai principi della deontologia, dell’indipendenza e della libertà di cronaca e di critica. Ho portato avanti il principio dell’aggancio della professione giornalistica all’Università e alle scuole riconosciute dall’Ordine. Ho indirizzato l’azione concreta dell’Ordine della Lombardia in direzione della puntuale applicazione dei canoni deontologici e del rispetto delle regole contrattuali nelle redazioni attraverso l’iscrizione nel Registro dei praticanti di quanti, esercitando la professione in “nero”, vivono di giornalismo. La difesa del principio costituzionale della tutela della dignità della persona rimane un altro pilastro dell’azione sviluppata negli anni della mia presidenza. Sul tema della commistione informazione-pubblicità la mia azione è stata particolarmente intensa. In questi anni sono comparsi davanti al Consiglio i direttori dei più importanti quotidiani nonché i direttori dei più importanti periodici. Conosciamo dove sta di casa l’uguaglianza giuridica dei cittadini di fronte alla legge e in particolare, per i giornalisti, davanti alla legge professionale nonché alla legalità deontologica. Non abbiamo fatto sconti a nessuno. Anche questo dato contribuisce a rendermi orgoglioso del lavoro fatto. Grazie dell’attenzione e cordiali saluti a tutti”.

printfriendly pdf button - Ordine dei giornalisti della Lombardia: Franco Abruzzo saluta tutti  i colleghi