P.A.“Mettiamoci la faccia”: una convention con i primi risultati

Il 2 luglio sarà aperta a Roma dal Ministro Brunetta la prima Convention delle amministrazioni che hanno partecipato all’iniziativa "Mettiamoci la faccia". Si ricorderà che l’iniziativa consisteva in una sperimentazione guidata dal Dipartimento della Funzione Pubblica per rilevare in maniera sistematica, attraverso l’utilizzo di “emoticons”, la soddisfazione di cittadini e utenti per i servizi pubblici erogati agli sportelli o attraverso altri canali (web e telefono). La Convention si aprirà con la presentazione dei primi risultati dell’iniziativa. Si tratta di un incontro dedicato soprattutto alle amministrazioni che devono ancora avviare la sperimentazione, per le quali la Convention sarà occasione di apprendimento, grazie al confronto con le esperienze realizzate dalle amministrazioni che per prime hanno preso parte all’iniziativa predisponendo un proprio piano di sperimentazione, in base alle linee guida del Dipartimento della Funzione Pubblica. La presentazione delle criticità e la condivisione delle soluzioni, delle amministrazioni che per prime hanno preso parte all’iniziativa, infatti, può offrire utili suggerimenti e indicazioni operative tanto a chi è già entrato nella fase sperimentale quanto a chi abbia appena aderito al progetto. Inoltre, verranno presentate le diverse opportunità messe a disposizioni delle amministrazioni che intendono prendere parte all’iniziativa, tra cui, in particolare la CONSIP, illustrerà il funzionamento del Mercato elettronico. Le amministrazioni interessate che non abbiano ancora partecipato all’iniziativa potranno farne richiesta e saranno accettate nei limiti della disponibilità dei posti.
printfriendly pdf button - P.A.“Mettiamoci la faccia”: una convention con i primi risultati
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - P.A.“Mettiamoci la faccia”: una convention con i primi risultati

Lifegate, Roveda: siamo l’opposto di una radio commerciale. Ma non siamo comunitari

IN ARRIVO