Perquisizione per due cronisti del “Corriere” nell’ambito del caso De Gregorio

Grossa preoccupazione espressa dal CdR del quotidiano milanese: portato via un pc dalla redazione di via Solferino


Su mandato della Direzione Antimafia di Napoli, la scorsa notte le fiamme gialle hanno perquisito le abitazioni e le postazioni di lavoro di due giornalisti del “Corriere”, Giovanni Bianconi, a Roma, e Enzo D’Errico, a Napoli e Milano. Secondo gli inquirenti, i due sarebbero stati parte della rete del senatore De Gregorio, leader del gruppo parlamentare Italiani nel Mondo, indagato per riciclaggio di denaro sporco ed associazione mafiosa. Il CdR del giornale ha diffuso, oggi, un comunicato in cui ha espresso la propria preoccupazione “e motivato stupore, oltre a seri dubbi sulla legittimità di quanto avvenuto”, sostenendo che l’unica colpa dei propri colleghi sia stata quella di “avere svolto al meglio e rigorosamente il proprio dovere, fornendo ai lettori informazioni documentate su un senatore della Repubblica, Sergio De Gregorio”. La Guardia di Finanza, inoltre, ha sequestrato a D’Errico il proprio computer personale e quello di redazione, con rubriche telefoniche e tutto ciò che di personale v’era annesso. (Giuseppe Colucci per NL)

printfriendly pdf button - Perquisizione per due cronisti del “Corriere” nell’ambito del caso De Gregorio
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Perquisizione per due cronisti del “Corriere” nell’ambito del caso De Gregorio

Non perdere le novità dei settori radiotelevisivo, editoriale e delle telecomunicazioni

Gratis la newsletter di NL